Una officina del tempo che fu

Immagini e descrizione del nostro mondo.
fabio982
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: mercoledì 28 dicembre 2016, 21:30

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda fabio982 » martedì 3 gennaio 2017, 20:29

spettacolare!!!!

eBay

eBay annunci

da eBay » domenica 28 maggio 2017, 5:40


paolo_bl
Junior
Junior
Messaggi: 68
Iscritto il: venerdì 4 novembre 2016, 13:32
Località: Belluno

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda paolo_bl » mercoledì 4 gennaio 2017, 9:22

Eccoci al reparto tornitura ruote.
Le macchine sono appositamente costruite per poter lavorare le sale montate.
Quindi non hanno la classica contropunta, ma una piattaforma tale da poter staffare l'assale completo.
Inoltre sono dotate di appositi contrappesi per bilanciare il sistema, perché l'assale è a sua volta dotato di contrappesi calcolati per bilanciare la massa delle bielle e, preso da solo, si troverebbe fortemente sbilanciato facendo "vibrare" la macchina in modo incontrollabile.
I torni sono a doppio carro e sono provvisti di meccanismo idraulico a copiare; il profilo del cerchione viene eseguito copiando una apposita dima che viene montata e seguita dal tastatore.
Osservate l'azionamento di una delle macchine... con cinghia piatta e tendicinghia!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

melManmax86
Junior
Junior
Messaggi: 58
Iscritto il: lunedì 11 maggio 2015, 17:36
Località: Milano

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda melManmax86 » mercoledì 4 gennaio 2017, 9:54

spettacolare davvero =D>

RioLib
Newbie
Newbie
Messaggi: 46
Iscritto il: martedì 5 aprile 2016, 21:59
Località: Isernia

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda RioLib » giovedì 5 gennaio 2017, 2:13

Anche se mi occupo di falegnameria, sembrerà strano ma........... la seguo con interesse.
Le Sue splendide spiegazioni, accompagnate dalle foto mi fanno vivere come in un tour virtuale all'interno della fabbrica.
=D> =D> Complimenti VERAMENTE Professore.
Peccato di non avere avuto la fortuna di essere stato un suo alunno.
Sono fiero che ha deciso di far parte di questa comunità, sicuramente il Suo supporto sarà molto utile a tutti.
Saluti
Liborio

paolo_bl
Junior
Junior
Messaggi: 68
Iscritto il: venerdì 4 novembre 2016, 13:32
Località: Belluno

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda paolo_bl » domenica 8 gennaio 2017, 12:13

Inserisco ancora qualche particolare dei torni.
Si possono notare, oltre al dispositivo di copiatura (prima dell'introduzone del controllo numerico era l'unico sistema per creare dei pezzi tutti uguali), le dimensioni ragguardevoli degli utensili e degli inserti, che sono studiati appositamente per questo tipo di lavorazioni.
Gli acciai con cui sono costruiti i cerchioni sono legati e bonificati; quando si procede con la sgrossatura la sezione di truciolo è considerevole (durante la lavorazione del bordino la profondità di passata raggiunge i 20 mm!) e durante la riprofilatura si possono incontrare zone indurite o irregolarità che generano situazioni simili al taglio interrotto.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

paolo_bl
Junior
Junior
Messaggi: 68
Iscritto il: venerdì 4 novembre 2016, 13:32
Località: Belluno

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda paolo_bl » domenica 8 gennaio 2017, 12:39

La macchina più impressionante è questa.
Un tornio "Deutschland Dortmund" del 1943, in grado di lavorare ruote fino a oltre 2 metri di diametro.
Osservate le piattaforme di staffaggio e trascinamento, dotate di enormi contrappesi mecessari all'equilibratura del complesso.
Infatti la massa dei contrappesi sulle ruote è tale che, nel caso la locomotiva dovesse viaggiare senza le bielle, il "martellamento" provocato dallo sbilanciamento sarebbe tale da praticamente distruggere il binario.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

paolo_bl
Junior
Junior
Messaggi: 68
Iscritto il: venerdì 4 novembre 2016, 13:32
Località: Belluno

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda paolo_bl » domenica 8 gennaio 2017, 13:44

Se qualcuno è preoccupato per la sicurezza, tranquilli: ci pensa lui.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Snad
Newbie
Newbie
Messaggi: 32
Iscritto il: lunedì 16 febbraio 2015, 19:45
Località: Siena

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda Snad » giovedì 19 gennaio 2017, 15:55

Finalmente macchine serie =D> =D> =D>
who flaunts wisdom swims in his ignorance

Avatar utente
Pedro
God
God
Messaggi: 5397
Iscritto il: domenica 6 aprile 2008, 17:44
Località: Roma

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda Pedro » giovedì 19 gennaio 2017, 17:36

=D>

bellissimo post, ringrazio chi lo ha aperto rendendoci partecipi di qualcosa di "magico", per chi ovviamente ci vede della magia in ciò :D
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda."

Avatar utente
phantom25
Senior
Senior
Messaggi: 1216
Iscritto il: giovedì 26 gennaio 2012, 20:38
Località: A fianco Sassari !

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda phantom25 » mercoledì 22 febbraio 2017, 21:09

:shock: spettacolo !
Paolo beato te che ci sei stato, prima o poi ci dovro andare anch'io in una di queste fabbriche/ museo.
Grazie per la condivisione .

O.T.: Paolo in Germania avevo visto questo,di un noto utente tedesco https://www.youtube.com/watch?v=lGtux2Hlbzk su youtube.

Avatar utente
mgd966
Member
Member
Messaggi: 566
Iscritto il: lunedì 12 settembre 2016, 1:49
Località: Changzhou,Cina-ridente paesino del Verbano,Italia

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda mgd966 » domenica 12 marzo 2017, 12:11

se non e' rotto non si puo' aggiustare

paolo_bl
Junior
Junior
Messaggi: 68
Iscritto il: venerdì 4 novembre 2016, 13:32
Località: Belluno

Re: Una officina del tempo che fu

Messaggioda paolo_bl » lunedì 13 marzo 2017, 22:20

Conosco la Lucato, perlomeno di fama. In Italia sono gli unici rimasti con quelle competenze, c'era anche la Milanesio a Moretta ma ha chiuso qualche anno fa.
In confronto a Meiningen la Lucato è molto piccola, ma si dà da fare ed è un bene che ci sia.
Diciamo che a Meiningen sono in grado di eseguire anche lavorazioni che nessun altro può fare, difatti la Lucato ha mandato lassù alcuni componenti (le ruote) della 880.001 per le necessarie riparazioni.

Quanto all'articolo, non è del tutto esatto. La 200.05 non è in assoluto la più antica locomotiva d'Europa, ma si può dire che è (per quanto dicono) la più antica ancora funzionante e regolarmente usata per manifestazioni in Italia.
Dovrei indagare meglio, perché a Mulhouse in Francia nel museo "Cité du Train", sono conservate locomotive di ogni genere, la più antica è risalente al 1844.
Alcune di queste sono funzionanti. Possiedono tra le altre una Crampton del 1857 in stato di marcia, ma non ho informazioni aggiornate se sia ancora utilizzabile e utilizzata.
E poi bisognerebbe chiedere agli inglesi, che in questo campo sono fanatici.
Ma...
Dopo una breve ricerca ho trovato che la GKB 671, costruita nel 1860, è la più antica locomotiva a vapore che sia rimasta in servizio continuativo.


Torna a “La mia officina”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite