Chiocciola per vite trapezia

Sezione dedicata alla meccanica delle CNC e delle macchine tradizionali.
Avatar utente
help
Member
Member
Messaggi: 355
Iscritto il: venerdì 29 ottobre 2010, 8:50
Località: ss

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda help » sabato 25 agosto 2012, 22:51

Dall'immagine sembra che non sia a 90°, credo che l'angolatura vada bene e a dirla tutta, dalla foto, mi sembra che sia venuta bene anche la chiocciola :wink:

Oggi ho terminato di costruire la mia filiera e per affilare gli angoli ho passato una lima semitonda dolce in direzione delle scanalature (io ne ho fatte 4), in fine, ho passato molto leggermente la stessa lima rivestita di carta abrasiva a grana molto fitta, questa rimuove le bave e ne lascia pochissime, direi niente.

Prima di fare le scanalature tuttavia, avevo rimosso con carta abrasiva le bave createsi nel conferire la forma conica. Credo che quelle siano le peggiori perchè vanno a rigare e dunque a compromettere l'intera parete dell'elica.

Comunque sia l'ho provata su un pezzo di polietilene, lo penetra facilmente producendo un taglio pulito. L'unico problema è che la chiocciola così realizzata sembra essere un po' stretta e le madriviti entrano a forza. Domani apporterò qualche modifica, ma non escludo che il problema stia proprio nel tipo di materiale usato.

Ciao!

lucazag
Member
Member
Messaggi: 344
Iscritto il: domenica 17 aprile 2011, 22:41
Località: ancona

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda lucazag » domenica 26 agosto 2012, 10:01

La chiocciola funziona benissimo però avevo visto delle foto di chiocciole in polizene con filettatura davvero pulita rispetto la mia, forse il problema dipende dal fatto che la filettatura l'ho realizzata col tornio e può aver forzato un po'. comunque anche la mia forzava parecchio all'inizio poi a passando il maschio più volte si allarga. Se hai modo posta qualche foto.
Ciao

Avatar utente
help
Member
Member
Messaggi: 355
Iscritto il: venerdì 29 ottobre 2010, 8:50
Località: ss

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda help » domenica 26 agosto 2012, 14:37

Non che debbano servire da esempio a qualcuno, comunque posto le foto della mia. :D

Purtroppo avevo acquistato poco materiale che doveva bastare a completare il progetto, invece alcuni ostacoli per me insormontabili mi hanno indotto a modificarlo e quando ho terminato di intestare le madriviti (in base al nuovo progetto), mi sono ritrovato con meno di 5 cm di vite trapezia, e ho dovuto farmeli bastare perchè la spedizione ci mette come minimo una quindicina di giorni.

La filiera visibile nelle immagini è ricavata da uno spezzone di TPN 12x3mm al quale essendo troppo corto, ho dovuto saldare a elettrodo un gambo ricavato da un tondino di acciaio (sull'attaccatura è visibile un imperfezione della saldatura). Ho evitato il surriscaldamento delle parti "vitali", ricoprendole di carta assorbente inzuppata di acqua.
Non avendo un tornio, ho dovuto "tornirla" e fare le scanalature con una smerigliatrice angolare con disco da taglio, montata su apposito supporto opportunamente modificato e stabilizzato per lo scopo (con l'aggiunta di slitte inclinate, guide e quant'altro...) e un Dremel con fresa abrasiva montato su colonna. Un lavoraccio assurdo!!!! :mrgreen:

Ho provato a filettare un pezzo di plexiglas e in questo caso la vite entra senza opporre resistenza e senza giochi. Forse il polietilene è troppo tenero, oppure, dovrei aumentare lo spessore delle scanalature in modo che i taglienti possano penetrare più a fondo. In ogni caso, prima di apportare modifiche, voglio provarla col Delrin. E' corta, ma mi basta poterci realizzare chiocciole lunghe 2,5cm.

Lucazag, alla fine l'importante è che funzioni! Non credo che qualche rigatura sulla parete dell'elica possa compromettere più di tanto il risultato. :wink:

Ciao
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

lucazag
Member
Member
Messaggi: 344
Iscritto il: domenica 17 aprile 2011, 22:41
Località: ancona

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda lucazag » domenica 26 agosto 2012, 18:14

posting.php?mode=reply&f=9&t=40528#Davvero complimenti help, ammirevole quello che riesci a fare con i pochi mezzi che hai!
Avanti tutta!!
posting.php?mode=reply&f=9&t=40528#

Avatar utente
help
Member
Member
Messaggi: 355
Iscritto il: venerdì 29 ottobre 2010, 8:50
Località: ss

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda help » domenica 26 agosto 2012, 18:38

Alla fine ho dimenticato di postare le immagini della chiocciola.
L'ho spaccata a metà  per vederne l'interno. Sembra abbastanza liscio anche se qualche rigatura è presente.

Ho provato a inserire e reinserire il maschio più e più volte, ma rimane sempre molto stretta. :( Spero vada meglio col Delrin perchè per infilare la vite all'interno di questa in polietilene, bisogna essere discretamente forzuti :mrgreen: , credo che i miei motori non riescano a smuoverla neanche di un solo grado. :D

Ciao!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

lucazag
Member
Member
Messaggi: 344
Iscritto il: domenica 17 aprile 2011, 22:41
Località: ancona

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda lucazag » sabato 8 settembre 2012, 14:54

Per il fissaggio della chiocciola visto che sarà  cilindrica senza flangia pensavo di avvitarla direttamente alla macchina tramite 4 viti invece di farla flangiata e fissarla come fanno molti ad una pezzo di alluminio e poi questo alla macchina.
Che dite potrà  andar bene comunque?
La chiocciola sarà  lunga 30 mm.
Allego un disegno per farvi capire meglio.
Ciao
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
help
Member
Member
Messaggi: 355
Iscritto il: venerdì 29 ottobre 2010, 8:50
Località: ss

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda help » domenica 9 settembre 2012, 0:09

A mio parere da inesperto, per avvitarla in quel modo e mantenerla aderente al piano di alluminio, dovrai quanto meno accertarti che il foro risulti essere all'altezza e alla posizione precisa in cui passa la vite, dunque dovrai spianare e forare la chiocciola con estrema precisione. Credo che differenze anche minime di allineamento possano creare problemi di movimento e non vedo un modo semplice per regolare e correggere eventuali disallineamenti, se non quello di lasciare più o meno allentate le viti, a discapito della rigidità  e stabilità  del fissaggio, oppure applicare spessori sotto la chiocciola o abraderne il fondo fino a ottenere un movimento fluido.

Avvitandola assialmente invece è possibile lasciare nei fori della lastra un gioco di qualche decimo, tale da permetterne un preciso e semplice regolamento in base alla posizione della vite.

Comunque attendo risposte da parte di esperti in materia, in quanto tutt'ora anche io ho qualche indecisione sul come collegare le chiocciole.

Ciao

Avatar utente
jack74
Junior
Junior
Messaggi: 161
Iscritto il: mercoledì 16 marzo 2011, 9:25
Località: Venezia

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda jack74 » venerdì 5 ottobre 2012, 20:13

Ragazzi pure io mi sto realizzando il maschiatore TPN 16 passo 4 :D .
Ora manca l'affilatura dei taglienti, come procedere ?
Devo solamente togliere la bavetta che si è formata con le 3 fresate lungitudinali ?
Che attrezzo usare ?
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
huliofane
Senior
Senior
Messaggi: 1020
Iscritto il: mercoledì 29 ottobre 2008, 15:18
Località: Prov. Verona
Contatta:

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda huliofane » venerdì 5 ottobre 2012, 20:40

beh ragazzi complimenti,io faccio il metalmeccanico da ormai 12 anni e avete fatto dei capolavori :wink:
Cmq un po per esperienza personale con la mia cnc che sto facendo crescere da ormai 10 anni,un po per lavoro,io consiglierei di fare il maschio il piu lungo possibile in modo che l'asportazione sia piu precisa in perchè se con 3 giri si parte dal preforo e si arriva alla filetto finito,il passo va a quel paese.
Per quanto riguarda la chiocciola dura,intanto indica che è precisa,ma visto che lavorate materiale plastico,potreste tagliarla creando una sorta di "C" e mettere delle viti contrapposte in modo che una chiuda,una apra in questo modo potete regolare la "durezza" poi quando prenderà  gioco,la tagliate nell'altro verso e una vite tenderà  ad allungarla e l'altra ad accorciarla con iò risultato della regolazione del gioco,ci vuole piu a dirlo che a farlo.


Attenzione: leggi il regolamento, le offerte si fanno solo in sezione VENDO, e solo quando si hanno i requisiti.
Quando smonto una cosa,per quel piccolo lasso di tempo,entro nella testa di chi l'ha creata

Avatar utente
kon
Senior
Senior
Messaggi: 1246
Iscritto il: mercoledì 3 giugno 2009, 12:46
Località: Imperiese - Liguria

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda kon » venerdì 5 ottobre 2012, 21:05

Ciao, ti ho chiesto l'indirizzo per spedirti la chiocciola ed ora vedo che ti stai facendo il maschiatore :?: =D>
Il maschiatore sembra ben fatto, forse sarebbe meglio avere i solchi di scarico più profondi o 4 a 90° anzichè 3 a 120°, ma se hai un buon giramaschi riuscirai sicuramente a fare una buona filettatura.

P.S.: per affilare i taglienti devi usare leggermente una molatrice da banco.

Avatar utente
jack74
Junior
Junior
Messaggi: 161
Iscritto il: mercoledì 16 marzo 2011, 9:25
Località: Venezia

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda jack74 » venerdì 5 ottobre 2012, 21:41

Ciao Kon, le chiocciole sono diventate 2 da rifare :( . Non volevo abusare della tua gentilezza.
Ma in che verso devo affilare i taglienti ?

Totem

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda Totem » venerdì 5 ottobre 2012, 21:53

un saluto a tutti....
incuriosito ho letto il 3D... piccolo suggerimento...

ogni materiale ha un suo coefficiente di dilatazione, quindi potete sfruttare questa dilatazione/contrazione per dare un giusto gioco....
quindi mettete il pezzo di plastica da filettare nel frigo e poi filettate, forse dovrete fare due tre prove, a temp diverse... magari usare il freezer...

altra cosa... il polietilene non è il massimo per una chiocciola, ha di buono che non è igroscopico ma se non si vuole spendere una cifra in PTFE... potete cercare del POM (resina acetalica) ha buone caratteristiche lubrificanti...

Se invece per caso trovate del polietile ad altissimo peso molecolare (UHMWPE)... sarebbe ottimo... ne fanno i tendi catena della distribuzione dei motori, o giubbotti antiproiettile

Totem

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda Totem » venerdì 5 ottobre 2012, 22:03

anzi io farei così...

filetterei a temp ambiente... metterei in frigo per 8-10 ore, poi ripasserei il filetto con il pezzo bello freddo...

Avatar utente
help
Member
Member
Messaggi: 355
Iscritto il: venerdì 29 ottobre 2010, 8:50
Località: ss

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda help » domenica 7 ottobre 2012, 0:19

Bel lavoro Jakc74! =D>
Non saprei indicarti il metodo migliore in quanto non sono del mestiere e procedo ad intuito e coi pochi mezzi che ho a disposizione e non è escluso esistano soluzioni migliori, comunque, se può tornarti utile, io ho rimosso le bave e affilato i taglienti con una lima rivestita di carta abrasiva a grana molto sottile.
L'ho passata delicatamente, senza premere eccessivamente, muovevo avanti e indietro nel senso del taglio fino a ottenere il risultato voluto. Se poi hai una molatrice da banco adatta allo scopo (come consigliato da Kon) sicuramente risparmierai tempo.

Per rimuovere le bave formatesi lungo l'elica nel conferirle la forma conica, ho invece proceduto prima di fare le scanalature. Le ho rimosse con carta abrasiva a grana sottile, fatta ruotare manualmente attorno al maschio, senza tuttavia andare ad abraderne la parte finale che deve rimanere integra per conferire la giusta forma al filetto.
Dato che tu hai già  fatto le scanalature, e non ti sarà  possibile usare carta abrasiva in quel modo senza compromettere l'affilatura dei taglienti, potresti rimuovere le bave createsi nel conferire la conicità , con una lama di cutter o una lima ad ago sapientemente usate.







Totem, io ho usato il polietilene soltanto per fare delle prove, era uno spezzone di tubo idraulico e non avendo niente di più adatto mi sono accanito su di lui :D. Credo comunque che alla fine userò il delrin, ma devo ancora terminare tutto il resto.
Ieri appena ho letto il tuo messaggio ho messo nel freezer un pezzo di polietilene sul quale avevo già  fatto varie filettature che risultavano molto strette. Questo pomeriggio l'ho tolto fuori bello freddo e ho provato a reinserire il maschio in alcune delle filettature notando con gioia che ha rimosso parecchio materiale in eccesso. Adesso sono un po' più larghe e le viti scorrono molto più facilmente, e comunque l'accoppiamento è ancora abbastanza stretto e privo di giochi.
Credo che oltre al restringimento del pezzo, giochi un ruolo fondamentale anche l'irrigidimento: il polipropilene a temperatura ambiente ha una certa elasticità  e l'ingresso del maschio tende a dilatarlo leggermente, rendendo irraggiungibili ai taglienti i punti più interni, quando è freddo invece è più rigido e si deforma meno.
Credo che il problema sia risolvibile anche conferendo ai taglienti del tratto iniziale una certa angolatura (come visibile nell'immagine allegata "Angolatura taglienti"), in modo tale che possano penetrare più a fondo. I maschi commerciali sono fatti così.





huliofane, purtroppo era l'ultimo spezzone di vite che mi era avanzato, dunque non mi è stato possibile farlo più lungo. Ora vedo un po' se riesco a portare a termine la CNC, poi, se proprio non riuscirò a costruire chiocciole di buona fattura con quel moncherino :D , ne costruirò uno più lungo.
Credo che l'idea di tagliarla a C sia ottima e sicuramente da provare, in modo da poter regolare la chiocciola con precisione e ottenere il miglior compromesso tra il gioco e la coppia necessaria alla rotazione.
Forse l'unico limite alla regolazione è rappresentato dall'attrito che le creste della vite eserciteranno sulle pareti più interne della chiocciola, nonché dall'attrito che il fondo della vite eserciterà  sulla parte più esterna. In quest'ultimo caso si può facilmente risolvere praticando nella chiocciola un foro di diametro leggermente superiore al diametro interno della vite.
Per eliminare invece il contatto della parte esterna della vite con la parte interna della chiocciola, bisognerà , o ridurre leggermente il diametro esterno della vite (ardua impresa), oppure asportare più materiale dalla chiocciola e il che sarebbe possibile modificando opportunamente il maschio (come visibile nell'immagine allegata: "modifica profilo taglienti").

Io volevo provarci, poi ci ho rinunciato per paura di rovinare l'ultimo pezzo di TPN che mi era rimasto, ma se riesco ad escogitare un modo sicuro per rialzare leggermente (qualche decimo di mm) anche soltanto 3 dei taglienti, ci proverò.

Che ne dite? E' un'idea assurda oppure può funzionare?




Ciao!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Zebrauno
God
God
Messaggi: 9677
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 17:24
Località: Savigliano/Torino
Contatta:

Re: Chiocciola per vite trapezia

Messaggioda Zebrauno » domenica 7 ottobre 2012, 1:08

Chiocciole in Delrin, maschiate a temperatura ambiente (devono risultare molto dure da girare a mano, anche con vite ingrassata con spray PTFE).

Pratica un taglio che divida il cilindro maschiato per il 60% della lunghezza totale, e usa una fascetta metallica a collare per stringere le due meta' e regolare quindi la durezza dello strisciamento.

Queste chiocciole devono essere ben serrate, i motori riescono a farle ruotare senza problemi quindi e' meglio perdere un po' di coppia avendo il movimento preciso che avere una chiocciola che perde centesimi sotto spinta.

Se la vostra chiocciola in plastica gira libera come una a ricircolo significa che l'avete spanata, o maschiata male.


ps: ho un maschiatore, acquistato, per chiocciole 20x4 ed il profilo dei denti in effetti e' piu' alto rispetto a quanto si puo' ricavare da una vite fresata. I disegni delle chiocciole UNI hanno sempre un gap tra vite e chiocciola, e per crearlo ci vuole per forza un maschiatore apposito, o tornito con quello scopo partendo da un tondo pieno. A mio parere non e' cosi' importante, se si usano Teflon o Delrin (PTFE o POM)

ciao


Torna a “Meccanica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti