LINUX CNC E RETROFITTING

Sezione dedicata a Linuxcnc
Dino
Senior
Senior
Messaggi: 806
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 23:08
Località: Dolomiti (BL)
Contatta:

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da Dino » domenica 20 novembre 2016, 17:09

Puoi provare con una scheda Mesa, dovrebbe fungere la 5I24 + 7I48 o 5I25 + 7I77 (più semplice da cablare, in caso prendi anche il cavo da loro che quelli cinesi non valgono una cippa...) oppure forse (perché non ho mai avuto esperienze dirette con resolver) anche 5I24 + 7I49, trovi tutto sul loro sito, in caso puoi chiedere anche assistenza che sono molto cordiali e disponibili, http://mesanet.com/
Ma dal mio punto di vista però, dato che non conosci nulla degli azionamenti, forse spendere centinaia di euro per le interfacce non ha senso dato che poi magari un domani ti ritrovi con un problema agli azionamenti (si fulmina un chip o anche solo scoppia un condensatore) e sei costretto a riparare tutto, sempre se hai dimestichezza con l'elettronica analogica ed essendo senza schemi elettrici la vedo comunque dura. Io valuterei anche la strada di abbandonare gli azionamenti attuali ed acquistarne di adatti con interfaccia digitale (STEP-DIR o A-B, praticamente gli stessi segnali degli encoder), solitamente hanno anche la possibilità di ripetere i segnali degli encoder in uscita così se vuoi puoi utilizzarli per controllare la reale posizione degli assi, i motori puoi tenerli, se sono OK, in caso li sostituisci in futuro se si dovessero bruciare. Come azionamenti cerca in internet, ce ne sono di cinesi a poco prezzo (e a detta di chi li ha provati funzionano bene), c'è la serie gecko che chi li ha usati ne è molto soddisfatto o anche altri prodotti commerciali (anche italiani, una volta mi hanno detto di rivolgermi ad ATTI a Milano ma poi non ho più fatto nulla per mancanza di tempo, tieni presente che non è poco se hai bisogno di assistenza capire la lingua per chiedere delucidazioni) oppure chiedi qui nel forum, un utente ne ha modificato/sviluppato uno che prometteva molto bene (non ho seguito tutto il thread ma penso siano ormai collaudati) cerca nella sezione elettronica.

Valuta bene prima di buttarti in un avventura abbastanza complessa (gestire i segnali analogici non è semplice come con quelli digitali, devi regolare bene i parametri dei PID in LinuxCNC ed anche negli azionamenti se l'azionamento ne è dotato, ma chi sa come fare senza documentazione?)

Dino
NON più moderatore della sezione EMC ( http://www.linuxcnc.org/ )
Felice utilizzatore di GNU/Linux http://www.gnu.org/ http://www.kernel.org/
Linux Registered User #192043 http://counter.li.org/
Sito internet http://dino.delfavero.it/

giu79
Newbie
Newbie
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 13:44

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da giu79 » domenica 20 novembre 2016, 21:24

domanda da un milione di dollari secondo te tra, frequenza di step su 4 assi ed il controllo di posizione tramite righe sempre in frequenza il pc e in grado di gestire tutte le informazioni

Dino
Senior
Senior
Messaggi: 806
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 23:08
Località: Dolomiti (BL)
Contatta:

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da Dino » domenica 20 novembre 2016, 22:18

Penso di sì, se il PC è recente (diciamo degli ultimi 5 anni), creare i segnali per 1 o 9 assi (il massimo supportato dalla versione precompilata di LinuxCNC) per il PC non fa alcuna differenza, deve solo settare o resettare più pin sull'interfaccia, leggere i segnali degli encoder o righe ottiche è un po' più laborioso, servono un po' di risorse in più ma credo non sarà un problema, questo se intendi utilizzare delle porte parallele, se utilizzerai una scheda dedicata (MESA o altre) non ci saranno problemi sicuramente, tanto è vero che il thread lavora ad un solo microsecondo, contro i 25 nanosecondi del thread BASE (che serve a generare i segnali di step-dir).

Dino
NON più moderatore della sezione EMC ( http://www.linuxcnc.org/ )
Felice utilizzatore di GNU/Linux http://www.gnu.org/ http://www.kernel.org/
Linux Registered User #192043 http://counter.li.org/
Sito internet http://dino.delfavero.it/

giu79
Newbie
Newbie
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 13:44

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da giu79 » lunedì 21 novembre 2016, 13:13

a questo punto (optando per l azionamento )se funziona come dovrebbe ,( Hanno l 'auto tuning sfruttando le righe o encoder) con un errore d inseguimento praticamente ridotto a pochi gradi o millesimi ,avrebbe senso farli lavorare come dei passo passo!!!!!molto piu snello nel calcolo e piu veloce nell esecuzione del programma?ai gia avuto modo di testare quanto dico,si avevo gia visto in passato le schede di marco sinatti Dc Servo Drive ma per me e piccolo

giu79
Newbie
Newbie
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 13:44

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da giu79 » lunedì 21 novembre 2016, 22:20

man mano penso.......... ma se passa l uccellino e fa la cacchetta ,e tra pc e azionamento perdo uno step o una serie di step,nessuno se ne accorge!!!!!!
naaaa non funziona chiudere il loop tra motore e azionamento o funziona per cul.....a voi la vostra

Dino
Senior
Senior
Messaggi: 806
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 23:08
Località: Dolomiti (BL)
Contatta:

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da Dino » martedì 22 novembre 2016, 23:00

Continui a non essere abbastanza chiaro per poterti aiutare in modo efficace, parli che gli azionamenti hanno auto-tuning sfruttando le righe o encoder, ma in un altro post hai detto che gli azionamenti non sono collegati alle righe (che mi sembra di aver capito hai montato) ma solo ai resolver, dicevi che non sapevi nulla degli azionamenti, ora che hanno l'auto-tuning, quindi hai anche la documentazione, dici che nessuno si accorge se perdi passi, ma allora le righe a cosa sono collegate? Scusa ma non ho capito come funziona (se funziona) la tua macchina e cosa monta e come è collegata.
Se riesci a spiegarti meglio forse troviamo una soluzione.

Dino
NON più moderatore della sezione EMC ( http://www.linuxcnc.org/ )
Felice utilizzatore di GNU/Linux http://www.gnu.org/ http://www.kernel.org/
Linux Registered User #192043 http://counter.li.org/
Sito internet http://dino.delfavero.it/

giu79
Newbie
Newbie
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 13:44

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da giu79 » giovedì 24 novembre 2016, 21:43

parlavo riferito all' acquisto di azionamenti nuovi come mi proponevi tu,che accettano step e dir e anno gli ingressi per le righe ottiche ,dunque capaci di autotuning(per la regolazione del pid,) e di posizionamenti ,pilotabili con step e dir come un normale passo passo.
ma se un azionamento per qualsiasi motivo spinge ritarda su un motore e nessuno se ne accorge gli altri assi cosa fanno ?

se invece la movimentazione e gestita direttamente da linuxcnc lui dovrebbe intervenire sull'intero sistema giusto?
intanto sto facendo costruire a mie specifiche una interfaccia che faccia al caso mio

Dino
Senior
Senior
Messaggi: 806
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 23:08
Località: Dolomiti (BL)
Contatta:

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da Dino » venerdì 25 novembre 2016, 1:00

Per la retroazione (i segnali che dalla macchina tornano al controllo, che sia LinuxCNC o qualsiasi altro che supporta la retroazione) hai due possibilità con i motori che hai:
1. leggi la posizione direttamente dalle righe ottiche
2. leggi i segnali dagli azionamenti

Ora se non vuoi sostituire gli azionamenti puoi solo leggere dalle righe ottiche (se non ho capito male gli azionamenti hanno solo l'ingresso ±10v, l'uscita di potenza per il motore e l'ingresso dei segnali dai resolver), ma hai il grosso problema (non avendo alcuna documentazione sugli azionamenti non sappiamo se hanno o meno "intelligenza" e quindi il problema diviene grosso :-)) di dover configurare alla perfezione il PID e forse qualcos'altro se il comportamento degli azionamenti non dovesse essere lineare a sufficienza, poi hai anche l'incognita della durata degli azionamenti stessi.
Se invece decidi di sostituire gli azionamenti puoi valutare l'acquisto di nuovi che abbiano le caratteristiche migliori per i tuoi scopi.
Ne trovi di tutti i tipi, potresti ad esempio prendere degli azionamenti che gestiscono internamente la retroazione tramite le righe ottiche che già hai, che abbiano gli ingressi digitali e la possibilità di ripetere i segnali delle righe ottiche, in pratica hanno all'interno un buffer che da in uscita i segnali di posizione reale dell'asse, al limite puoi anche far leggere direttamente i segnali delle righe sia dagli azionamenti che dal PC, meglio con interfaccia opto-isolata.
In questa situazione LinuxCNC è in grado di conoscere in ogni istante la reale posizione degli assi e gestire le uscite in modo efficace al 100%.
Forse il tuo dubbio sta nel fatto che il 90% delle schede hobbistiche comandate in step-dir non ha la retroazione verso il PC e questo ti ha indotto a pensare che non si possa chiudere il controllo con i segnali digitali, ma non è così, se ben studiato si può fare anche tutto in digitale ed in meno tempo.
Se hai dimestichezza con l'elettronica e ti piace sperimentare puoi provare a realizzare l'interfaccia e valutare il comportamento della macchina, prima di tutto però devi valutare se il PC che intendi usare ha latenza sufficientemente bassa da garantire la generazione dei segnali da inviare agli azionamenti, il ponte ad H lo piloti direttamente dal PC o ha un micro a bordo? come intendi gestire il tutto?

Per curiosità hai qualche foto degli azionamenti e della macchina?
NON più moderatore della sezione EMC ( http://www.linuxcnc.org/ )
Felice utilizzatore di GNU/Linux http://www.gnu.org/ http://www.kernel.org/
Linux Registered User #192043 http://counter.li.org/
Sito internet http://dino.delfavero.it/

giu79
Newbie
Newbie
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 13:44

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da giu79 » venerdì 25 novembre 2016, 10:21

pc che ho preparato ha 4000ns penso vada bene ,il ponte h e pilotato in pwm dalla porta parallela (opto) e il controllo tramite segnalidirettamente al pc
gli azionamenti anno due trimmer uno per lo zero e l altro per la velocita massima

giu79
Newbie
Newbie
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 13:44

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da giu79 » venerdì 25 novembre 2016, 10:24

scusate 40000 non 4000

Dino
Senior
Senior
Messaggi: 806
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 23:08
Località: Dolomiti (BL)
Contatta:

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da Dino » domenica 27 novembre 2016, 23:40

Prova, dovrebbe funzionare.

Tienici informati
Dino
NON più moderatore della sezione EMC ( http://www.linuxcnc.org/ )
Felice utilizzatore di GNU/Linux http://www.gnu.org/ http://www.kernel.org/
Linux Registered User #192043 http://counter.li.org/
Sito internet http://dino.delfavero.it/

giu79
Newbie
Newbie
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 13:44

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da giu79 » martedì 29 novembre 2016, 18:45

si certamente ,mi sai indicare una configurazione tipo la mia che hanno gia fatto? che posso utilizzare come modello grazie

Dino
Senior
Senior
Messaggi: 806
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 23:08
Località: Dolomiti (BL)
Contatta:

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da Dino » mercoledì 30 novembre 2016, 22:31

Prima di tutto, se già non l'hai fatto, ti consiglio di studiarti bene come funziona il sistema, sia dal punto di vista teorico (come funziona la retroazione) che specifico per il tuo caso (cosa ti serve realmente) poi studiati bene anche come funziona LinuxCNC e come si configura, quali componenti ti servono e come collegarli tra loro, trovi tutta la documentazione sia on-line che nella directory /usr/doc/ se hai già installato LinuxCNC sul PC, molto importante da tenere sempre sotto mano: http://linuxcnc.org/docs/2.7/html/hal/intro.html

Come configurazione puoi prendere spunto dal lavoro fatto da Jeff Epler emergent.unpythonic.net, anch'io qualche anno fa, quando avevo più tempo libero :mrgreen:, ho fatto delle esperienze e trovi qualcosa anche qui sul forum (http://www.cncitalia.net/forum/viewtopic.php?t=7723 http://www.cncitalia.net/forum/viewtopic.php?t=8793), tieni presente che non ho mai utilizzato in realtà quella "roba" e che non garantisco ottimi risultati, era solo un gioco, poco più.

Per la testa ho un progettino, ma che probabilmente per ragioni di tempo non vedrà mai la luce... Penso che si potrebbero avere ottimi risultati con poca spesa delegando la generazione del segnale PWM o PDM (forse meglio) o step-dir oppure AB (in base alle esigenze) e la lettura dei segnali degli encoder/righe ottiche a schedine tipo NanoPi o BeagleBone collegate al PC tramite ethernet e come OS linux Real-Time con Xenomai, si potrebbe anche delegare tutto al processore a bordo senza nemmeno utilizzare il PC, ma io preferisco avere anche il PC per comodità e per avere il processore della schedina poco carico.

Dino
NON più moderatore della sezione EMC ( http://www.linuxcnc.org/ )
Felice utilizzatore di GNU/Linux http://www.gnu.org/ http://www.kernel.org/
Linux Registered User #192043 http://counter.li.org/
Sito internet http://dino.delfavero.it/

giu79
Newbie
Newbie
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2016, 13:44

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da giu79 » giovedì 8 dicembre 2016, 20:11

eccomi tornato ,grazie all aiuto di is70 utente sul forum ho iniziato la costruzione delle schede di sinatti per il controllo di posizione (a detta veri e propi motor driver cloosed loop) a questo punto dopo aver chiuso il loop con questi suddetti driver in circa 300micron secondo voi sarebbe opportuno chiuderli nuovamente con linux cnc? o potrei farli lavorare come dei passo passo in step e dir

Dino
Senior
Senior
Messaggi: 806
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 23:08
Località: Dolomiti (BL)
Contatta:

Re: LINUX CNC E RETROFITTING

Messaggio da Dino » venerdì 9 dicembre 2016, 0:17

Alla fine sostituisci gli azionamenti allora.
NON più moderatore della sezione EMC ( http://www.linuxcnc.org/ )
Felice utilizzatore di GNU/Linux http://www.gnu.org/ http://www.kernel.org/
Linux Registered User #192043 http://counter.li.org/
Sito internet http://dino.delfavero.it/

Rispondi

Torna a “Linuxcnc”