marchio CE assente

Regole da conoscere e rispettare per la propria e l'altrui sicurezza.
ATTENZIONE: Nella sezione potrebbero essere presenti immagini ritenute "forti e/o molto forti"
Rispondi
pvendol
Junior
Junior
Messaggi: 176
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 10:56
Località: Provincia di BARI

marchio CE assente

Messaggio da pvendol » giovedì 13 luglio 2017, 13:20

Salve vorrei sapere se qualcuno di voi edotto sulla materia sicurezza sa indicarmi il riferimento normativo italiano o europeo che
classifica in modo inequivocabile le machine prive di marchio CE come MACCHINE NON FUNZIONANTI.
Vi ringrazio anticipatamente

SWL
Senior
Senior
Messaggi: 765
Iscritto il: sabato 20 dicembre 2014, 10:00
Località: Treviso

Re: marchio CE assente

Messaggio da SWL » giovedì 13 luglio 2017, 15:15

Ciò che chiedi non esiste.

Le macchine senza marcatura CE possono anche essere ottime macchine perfettamente funzionanti.
Il fatto che non abbiano la marcatura ne rende semplicemente illegale il commercio ai sensi del decreto 93/465/CEE.

Avatar utente
turbina
God
God
Messaggi: 4702
Iscritto il: domenica 19 novembre 2006, 14:34
Località: Paese TREVISO
Contatta:

Re: marchio CE assente

Messaggio da turbina » martedì 14 agosto 2018, 20:23

Diciamo commercio tra professionisti , non tra privati, altrimenti il 99% delle macchine costruite quì non potrebbero essere vendute a terzi :D :D
Fresa CNC ISEL Gantry027, Tornio CNC DM3000, 3DP PrusaI3.

gionp
Junior
Junior
Messaggi: 120
Iscritto il: mercoledì 15 settembre 2010, 22:23
Località: Brunate (Como)

Re: marchio CE assente

Messaggio da gionp » mercoledì 15 agosto 2018, 13:44

Per le macchine costruite prima dell'entrata in vigore dalla marcatura CE si deve fare riferimento all'allegato V del decreto 81/2008 (testo unico sicurezza sul lavoro).
Il marchio CE certifica che il costruttore ha dichiarato che la macchina risponde alle norme comunitarie di settore, bisogna fare attenzione perchè ma tuttora esistono ancora attrezzature e macchine per cui non esiste una specifica norma, solitamente perché sono talmente di nicchia che nessuno si è preso l'onere di avviare la procedura per la redazione e l'approvazione di una norma comunitaria di settore.

Se in un'azienda ci sono macchinari privi di marchiatura CE il datore di lavoro ha l'obbligo diverificare se rispondono ai criteri contenuti nell'allegato V e in caso contrario di far adeguare la mecchina.

La differenza sostanziale tra una macchia pre marchiatura e una marchiata sta nel soggetto responsabile per la sicurezza della macchina in oggetto.

Per le macchine marchiate il soggetto responsabile è il produttore (produttori comunitari) , o l'importatore che ha machiato la macchina di produzione extra C.E.

Per le macchine non marchiate la responsabilità ricade sul datore di lavoro.


Occhio che sul mercato si trovano macchine ed attrezzature apparentemente marchiate, poi se ti prendi la briga di sfogliare la documentazione di corredo ti accorgi che la marchiatura non è valida.
Per essere commercializzate le attrezzature normate devono essere dotate di marchio CE ed essere corredate di tutta la documentazione nella lingua del paese di commercializzazione. Se compro in Italia un trapano e mi danno il libretto di uso e manutenzine in coreano, cinese mandarino, ed uzbeco la marchiatura non è valida.

Ovviamente deve essere in italiano tutta la documentazione, se il tornio che ho comprato ha un manuale di 5000 pagine in inglese ed in italiano ti ritrovi solo un frontespizio e ti rimandano alla documentazione in lingua straniera la marchiatura CE non è valida.

Ovviamente a questo punto si potrebbe dire che stiamo parlando del sesso degli angeli, peccato che se qualcuno si infortuna con suddetto tornio il magistrato di turno come minimo dispone una perizia tecnica per verificare se la macchina fosse a norma e il CTU il sesso degli angeli lo va a controllare.

Rispondi

Torna a “Sicurezza”