rottura elettromandrino

Accessori, strumenti ed utensili anche home made, per la fresatura, tornitura e foratura su macchine utensili tradizionali e a controllo numerico.
Subforum:
Strumenti di Misura e Controllo
Rispondi
Maurizio1957
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 23 aprile 2018, 16:36

rottura elettromandrino

Messaggio da Maurizio1957 » lunedì 6 maggio 2019, 16:09

Buongiorno a tutti, mi chiamo Maurizio Gragnani, e vorrei sapere se qualcuno sul sito ha avuto un problema come il mio.
Premesso che non sono un professionista del settore, ho costruito una macchina cnc con piano di lavoto circa cm. 48x80 e corsa asse z 17 cm, montata su guide a ricircolo di sfere, motori NEMA 24 e viti a circolazione di sfere. Prima di aver finito la macchina ho voluto provare a accendere l'elettromandrino 1,5 Kw raffreddato a acqua acquistato da parecchi mesi e che aspettava nel suo imballo.... un sabato pomeriggio mi sistemo su un tavolo con elettromandrino, inverter, pompa per l'acqua e secchiello, e provo a accenderlo.
set up collaudo.jpeg
Dopo essere un po' impazzito per settare i parametri dell'inverter il motore parte e va, provo a variare la velocità, fermarlo e riaccenderlo e tutto ok. Mi accingo a smontare il tutto e rimettere tutto a posto quando vedo una gocciolina di acqua sul corpo del mandrino: c'era una perdita sul corpo. Mi scoccia un pò ma penso di rimediarla con una goccia di sigillante o simili, smonto tutto e metto a posto.
WhatsApp Image 2019-03-23 at 15.35.49.jpeg
Riprendo il tutto per installarlo sulla cnc e vedo una linea di frattura sul corpo del mandrino passante per il punto della prima perdita
frattura 1.jpeg
Tra incredulo e disperato accendo il mandrino solo per vedere di non aver invertito le fasi nel montaggio dell'inverter nel quadro di comando, faccio girare il motore per qualche secondo e stacco tutto.
Dopo 2 ore torno nel laboratorio e la frattura si è allargata!
frattura 2.jpeg
Io non riesco a capire cosa possa aver provocato la rottura, ho contattato la ditta dove ho acquistato il tutto e mi hanno risposto che per provocare una rottura così il motore ha preso urti, ( NO) o subìto shock termici tipo accendere la pompa dell'acqua con motore surriscaldato (NO ) ecc ecc praticamente stanno facendo orecchi da mercante ...
C'è qualcuno che ha avuto una esperienza simile o riesce a spiegarmi come posso aver provocato un danno simile se è mia la responsabilità ? :cry:
Saluti a tutti e grazie in anticipo Maurizio Gragnani
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file e le foto allegati in questo messaggio. Per visualizzare tali file devi registrarti ed effettuare il Login

Avatar utente
scj
God
God
Messaggi: 3854
Iscritto il: sabato 25 novembre 2006, 22:31
Località: Prov UD, prov TV

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da scj » mercoledì 8 maggio 2019, 23:45

Azz che lavoro di precisione!
Mai visto un danno simile.
Mi viene da pensare allo shock termico ma in una struttura già lesionata...
Nell'ordine si conserva, nel disordine si crea.
Simone

https://www.youtube.com/channel/UCBPtFN ... subscriber

Avatar utente
stenov
Member
Member
Messaggi: 337
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2016, 4:44
Località: Udine

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da stenov » giovedì 9 maggio 2019, 0:05

Che si rompa l’involucro di acciaio inox di un motore elettrico per shock termico è una stupidaggine. Ti hanno venduto un prodotto di merda e questa è l’unica realtà

Avatar utente
MauPre75
Member
Member
Messaggi: 345
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2017, 14:43
Località: Castelbuono (Pa)

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da MauPre75 » giovedì 9 maggio 2019, 21:34

Non molto tempo fa si è discusso di corretto uso ed avvio elettromandrino , in cui si spiega come avviare nel modo corretto per fare distribuire il grasso e non rischiare la rottura dei cuscinetti , se può interessare e cerchi worm up Elettromandrino dovresti trovarla , magari vi trovi qualcosa che hai fatto o non hai fatto .
Io ignorantemente la butto su due ipotesi , avvio a tutta birra senza distribuzione grasso ed hai rotto i cuscinetti oppure hai alterato il valore che regola la coppia ed hai surriscaldato creando uno sbalzo termico eccessivo , ma spero di sbagliar mi .
hai provato ad aprirlo per vedere cosa può aver provocato la rottura ?

Avatar utente
Fiveaxis
Moderator
Moderator
Messaggi: 3475
Iscritto il: sabato 15 gennaio 2011, 12:08
Località: Monza e Brianza

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da Fiveaxis » giovedì 9 maggio 2019, 22:15

Io invece sono piuttosto prevenuto nei confronti dei prodotti cinesi.
E chi ci dice che la carcassa esterna del mandrino non sia ottenuta partendo da un tubo di inox saldato (male)...Costa meno di un tubo trafilato o forato ma tecnicamente non è la stessa cosa... :mrgreen:

E' vero che non facendo un corretto warm-up si rischia di rovinare i cuscinetti, tuttavia se dovesse accadere, il grippaggio dei cuscinetti porterebbe il mandrino a fermarsi e l'inverter andrebbe in protezione...
La macchina conta...ma la differenza la fa il "manico"!

Avatar utente
MauPre75
Member
Member
Messaggi: 345
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2017, 14:43
Località: Castelbuono (Pa)

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da MauPre75 » giovedì 9 maggio 2019, 22:37

Daccordissimo con te Fiveaxis , anch'io ho fatto alcune accensioni sparate prima di seguire la discussione dell'Atc in cui alla fine si parlò del warm-up in cui pensai ad una cosa , gnurante con la gnu maiuscola che sono :lol: , poi da allora lo faccio sempre quando avvio.
Anch'io non amo la cineseria ma va bene per fare esperienza .

Junior73
Senior
Senior
Messaggi: 2334
Iscritto il: lunedì 14 aprile 2014, 10:36
Località: Perugia

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da Junior73 » venerdì 10 maggio 2019, 10:25

Mai vista una cosa del genere. :shock: LA fessurazione non può essere avvenuta per shock termico.....il difetto era già presente credo nel tubo usato.
E' una cosa anomala e penso isolata su i tanti mandrini che i cinesi vendono in ogni dove tra noi hobbisti. Molti di noi (me compreso) non hanno mai fatto un serio riscaldamento eppure i mandrini funnzionano ancora.

Anche se serve a poco puoi comunicare il venditore , come si mosso a riguardo questo incidente etc

Saluti

Maurizio1957
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 23 aprile 2018, 16:36

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da Maurizio1957 » sabato 11 maggio 2019, 11:03

Saluti a tutti e grazie per le risposte,
Visto l'atteggiamento del venditore ho deciso di smontare il tutto e penso di avere trovato la causa del problema.
WhatsApp Image 2019-05-07 at 15.46.09.jpeg
WhatsApp Image 2019-05-07 at 15.29.54.jpeg
Qui sotto copio la risposta che mi ha dato il venditore alla mia prima mail dove parlavo della rottura, e la mail che gli ho scritto dopo che ho smontato tutto e alla quale non ho ancora avuto risposta.

Buonasera Maurizio,



il costo di spedizione in Cina dove è presente la fabbrica è di circa 130 dollari (da verificarsi momento esatto della spedizione), l’analisi è gratuita, il tempo necessario è di circa un mese tra viaggio e laboratorio.

Eventuali ricambi saranno quotati solo al momento della valutazione del laboratorio.
Se desidera le invio offerta formale per procedere al pagamento.

Rimango a disposizione.

Cordiali saluti.
( nome del venditore)

Sevizio Clienti




Bene, visto il vostro aiuto ho deciso di far da solo , ho smontato il mandrino e penso di aver trovato la causa della rottura.
Come si vede nelle foto il corpo interno del motore è in alluminio e molto ossidato, quindi :
1) il collaudo in fabbrica è stato fatto applicando il raffreddamento a acqua, la quale si è infiltrata nella fessura tra corpo motore e camicia esterna ( e non parlo dei canali dove deve circolare!)
2) nel tempo trascorso dal collaudo alla vendita si è formato ossido di alluminio provocando un aumento di volume del corpo interno che ha forzato sulla camicia esterna inox
3) quando ho provato il motore e applicato il raffreddamento l'ossido ha assorbito acqua aumentando ancora di volume, e si è formata la prima
microfrattura che si vede nelle foto che vi ho già mandato, dove usciva solo una gocciolina di acqua
4) nel tempo che è passato tra la mia prima prova e la seguente l'ossido ha ancora aumentato di volume, allargando la frattura fino alla rottura completa della camicia esterna.
Quindi queste sono le mie conclusioni: il materiale del corpo interno del motore non è del tipo adatto per venire a contatto con l'acqua, e non è stato nemmeno protetto con un qualche tipo di protezione ( tipo un velo di grasso al silicone o simile) che impedisse all'acqua di insinuarsi nella fessura tra alluminio e camicia inox;
una soluzione palliativa potrebbe essere quella di utilizzare non acqua ma un liquido anticorrosivo tipo refrigerante auto, ma penso che solo ritarderebbe il problema;
non credo di essere stao l'unico ad avere avuto questo problema, o almeno penso che non sarò l'ultimo...
Saluti, Maurizio Gragnani
(fine mail)

Questa è la foto della prima accensione del motore
setup prima accensioine.jpeg
e qui si vede l'inizio del problema...
dettaglio goccia.jpeg
da questa prima gocciolina la rottura si è allargata a tutto il corpo del motore..
Proverò a fare una riparazione, vi terrò informati.
Saluti, Maurizio Gragnani
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file e le foto allegati in questo messaggio. Per visualizzare tali file devi registrarti ed effettuare il Login

Avatar utente
PumaPiensa
Senior
Senior
Messaggi: 817
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2008, 19:30
Località: vicenza

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da PumaPiensa » sabato 11 maggio 2019, 11:56

Considerando le centinaia di mandrini che circolano solo qui nel forum da anni direi che fino ad ora il problema non c'è mai stato altrimenti sarebbe stato comunicato. Conoscendo i cinesi potrebbero essersi dimenticati di stendere un sigillante fra camicia e parte in al interna (visto che montano cuscinetti storti anche su mandrini ATC da 1800E) oppure , ma spero di no, nella continua corsa a rendere più remunerativi i prodotti abbiano cambiato il materiale. Per esempio anche nelle produzioni europee vedo la zama che si sostituisce all'alluminio se questo non è indispensabile quindi....
Di quei mandrini ne ho tre, uno lavora da un anno e passa mai avuto problemi con normale acqua distillata. Gli altri due li ho solo provati e rimballati (poi scendo per vedere che non si siano crepati #-o ).
Credo che la tua spiegazione riguardo il motivo della rottura sia corretta, visto che l'hai tolto puoi dissipare il dubbio che ci sia una saldatura o che sia trafilato?
Riparazione? tienilo da parte finchè trovi un mandrino uguale bruciato e cambi il tubo, altro non mi viene in mente a meno che tu non abbia un amico che saldi a tig il tubo.

Avatar utente
Fiveaxis
Moderator
Moderator
Messaggi: 3475
Iscritto il: sabato 15 gennaio 2011, 12:08
Località: Monza e Brianza

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da Fiveaxis » lunedì 13 maggio 2019, 11:15

Ecco spiegato perchè i prodotti cinesi costano poco. :mrgreen:

Comunque, tutti i costruttori di mandrini (seri) consigliano l'uso di acqua additivata con olio emulsionabile (meglio) o con glicole (più aggressivo).
E' evidente che la sola acqua è ossidante (ancor peggio se "del rubinetto" perchè lascia residui): a prescindere che il corpo interno alla camicia sia in alluminio o -come dovrebbe essere- in acciao al carbonio.
Va detto che, anche qualora ci sia del sigillante e che quindi l'acqua lambisca esclusivamente le cavità preposte al raffreddamento, lo scambio termico di una superficie metallica "pulita" è decisamente superiore a quello di una superficie ossidata: minor scambio termico, minor dissipazione con un conseguente aumento della temperatura interna del mandrino.

Se ne era parlato anche in questa discussione qualche tempo fa... :mrgreen:
La macchina conta...ma la differenza la fa il "manico"!

Junior73
Senior
Senior
Messaggi: 2334
Iscritto il: lunedì 14 aprile 2014, 10:36
Località: Perugia

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da Junior73 » lunedì 13 maggio 2019, 12:03

Sembra una spiegazione plausibile. Speriamo che non sia come dice PumaPiensa e cioè hanno cambiato modo e materiali di produzione . Stabilire quale sia il produttore è cosa credo ardua se non impossibile. Fino a questo momento non ho mai preso una spindle ad acqua se non per una amico da montare sulla cnc .E' molto più silenzioso e non teme temperature alte nei garage come il mio, dove si può arrivare a 30 gradi in estate con il caldo.Per la seconda cnc con il 4 asse sono costretto a prenderlo tondo (facilità di spostamento verticale) ed ero ormai sicuro ad acqua :?

Deve per forza essere un caso isolato...

Per quanto poco possa servire comunica che è il venditore cinese , un po di pubblicità negativa la merita tutta!! :evil:

Che dimensioni ha il tubo fessurato di preciso ?

Saluti

Maurizio1957
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 23 aprile 2018, 16:36

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da Maurizio1957 » martedì 14 maggio 2019, 9:17

Ciao Junior73 il tubo fessurato è di diam. 80mm e lunghezza 175mm. Sto tentando una riparazione, prima di cercare qualcuno che mi faccia un tubo ex novo.
Ho provato a fare saldare la rottura con la saldatrice TIG, ma il tubo si è deformato e non entrava più sul corpo motore; ho ritagliato il tubo, steso un velo di Motorsil sul motore e richiuso tutto con fascette
riparazione.jpeg
aspetto un paio di giorni per far asciugare il silicone e lo metto nella pinza porta-mandrino prima di togliere tutte le fascette e vedo se tiene o no.
Auguratemi buona fortuna....
saluti, Maurizio
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file e le foto allegati in questo messaggio. Per visualizzare tali file devi registrarti ed effettuare il Login

Alex_live
God
God
Messaggi: 7915
Iscritto il: giovedì 30 luglio 2015, 12:06
Località: Milano

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da Alex_live » martedì 14 maggio 2019, 9:43

Speriamo che tenga. Auguri.

Avatar utente
Fiveaxis
Moderator
Moderator
Messaggi: 3475
Iscritto il: sabato 15 gennaio 2011, 12:08
Località: Monza e Brianza

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da Fiveaxis » martedì 14 maggio 2019, 12:47

Dal mio punto di vista non è una buona idea. :roll:
Finchè lo fai girare su un tavolo non credo avrai problemi tuttavia il tubo, otre a creare le cavità dove passa il liquido di raffreddamento, funge da supporto meccanico, evitando che il corpo mandrino subisca deformazioni per effetto degli sforzi di taglio quando lavora su una fresatrice.
Deformazioni che andrebbero a compromettere il corretto allineamento dei cuscinetti con conseguenti possibili problemi per gli stessi.

Speriamo bene...In bocca al lupo!
La macchina conta...ma la differenza la fa il "manico"!

Avatar utente
trash
Junior
Junior
Messaggi: 56
Iscritto il: domenica 19 giugno 2016, 20:50
Località: Venezia

Re: rottura elettromandrino

Messaggio da trash » venerdì 17 maggio 2019, 1:50

se non riesci a procurarti il tubo come parte di ricambio puoi incollarlo ....ma fammi il piacere :lol: ...non con il silicone, con una colla loctite 3471 specifica per acciaio

Rispondi

Torna a “Accessori, Strumenti ed Utensili”