Problemi per saldare alluminio giunto a T

Descrizione, problemi, tecniche, macchine, accessori e tutto ciò che riguarda le varie tipologie di saldatura, quali: MMA-TIG-MIG/MAG, etc.
Rispondi
renlib
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: mercoledì 30 giugno 2021, 16:31

Problemi per saldare alluminio giunto a T

Messaggio da renlib » sabato 17 luglio 2021, 14:12

Ho da un mese una Sherman digitig 200 ACDC multipulse, ma ancora non riesco bene a saldare il giunto a T con l'alluminio.
Ho provato vari settaggi per piastre alluminio 3 mm, cambiato amperaggio, rampe, bal nce, ac frequenza, corrente iniziale, finale ecc. Perfino col pulsato ho provato. Ma niente scalda troppo, spesso buco la lastra verticale vicino al giunto, faccio saldature al giunto convesse e quasi perforanti, e mi capita troppo spesso di fare palline che si staccano dalla bacchetta di apporto di 2,4 mm alluminio 4043. È anche vero che non ho il pedale, in questa macchina non lo si trova, ha la possibilità di cambiare amperaggio direttamente dalla torcia, ma ha troppo poco progressività nell.aumento/diminuizione, o forse io non lo so usare col 4 T, non saprei.
Consigli?
Con l'acciaio non ho questi problemi😢😢

Darius
Newbie
Newbie
Messaggi: 5
Iscritto il: mercoledì 30 giugno 2021, 12:05

Re: Problemi per saldare alluminio giunto a T

Messaggio da Darius » martedì 20 luglio 2021, 19:43

Purtroppo ancora non mi e' mai capitato di saldare l'alluminio, pero' so che lo devi saldare in polarita' inversa per rompere lo strato dell allumina. Quindi alla cieca mi verrebbe dirti; prova a stare piu' vicino con la punta (ben affilata) e ad abbassare la corrente. Ah e ovviamente non ci deve essere il minimo pertugio d aria tra i due pezzi

renlib
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: mercoledì 30 giugno 2021, 16:31

Re: Problemi per saldare alluminio giunto a T

Messaggio da renlib » mercoledì 21 luglio 2021, 13:44

L'alluminio si salda con elettrodo negativo in AC e mettendo il Balance corretto fra fase positiva e negativa. Lo so bene.
Il mio problema è che senza pedale se metto troppa corrente si scioglie troppo presto l'alluminio, se ne metto poca non si scioglie bene la bacchetta e tendono a formare palle di alluminio che si staccano dalla bacchetta di apporto. In un caso e nell'altro non si formano quelle belle sovrapposizioni di apporto a regola d'arte.....

Avatar utente
Bender
Senior
Senior
Messaggi: 1185
Iscritto il: venerdì 17 novembre 2006, 21:59
Località: New York anno 3000 (Lt)

Re: Problemi per saldare alluminio giunto a T

Messaggio da Bender » mercoledì 21 luglio 2021, 18:40

La bacchetta nell'alluminio va tenuta fuori dal "influsso" della torcia e aggiunta solo quanto il bagno di fusione tra i pezzi da saldare si stà formando.
Poi tolta e a ripetere.
Se già lo fai forse stai inclinando troppo in avanti la torcia e ti scalda troppo la bacchetta.

renlib
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: mercoledì 30 giugno 2021, 16:31

Re: Problemi per saldare alluminio giunto a T

Messaggio da renlib » mercoledì 21 luglio 2021, 21:19

Sì, già lo faccio. Oggi ho provato con alluminio da 5 mm, (150 A) e devo dire che sono riuscito.
Con l'alluminio di 3 mm (90 A)è molto più facile far rammollire troppo la piastra).
Ho anche capito che mettevo troppo poco argon. Lo mettevo a 5 l/min, con l'alluminio di 5 mm ho provato con 12 l/min e va molto meglio, forse spinge meglio in avanti la pozza di fusione.
Tu mi confermi che COL PEDALE É PIÙ FACILE?
Grazie

Avatar utente
Bender
Senior
Senior
Messaggi: 1185
Iscritto il: venerdì 17 novembre 2006, 21:59
Località: New York anno 3000 (Lt)

Re: Problemi per saldare alluminio giunto a T

Messaggio da Bender » giovedì 22 luglio 2021, 20:44

Premesso che saldo l'alluminio saltuariamente e non ho pedale, probabilemte con quest'ultimo è più facile.
Ma i tuoi problemi non penso derivino dall'assenza del pedale.
Un giunto a T da 3 mm lo si salda benissimo anche senza.
Forse non riesci a concentrare bene l'arco nell'angolo e ti scalda tutto in torno.
Questo può avvenire anche se il tungsteno non è ben pulito e l'arco non scocca dalla punta.

Rispondi

Torna a “La Saldatura e sue tecniche”