Problema con attacco bombole Argon

Descrizione, problemi, tecniche, macchine, accessori e tutto ciò che riguarda le varie tipologie di saldatura, quali: MMA-TIG-MIG/MAG, etc.
Rispondi
Gumbo
Junior
Junior
Messaggi: 51
Iscritto il: sabato 21 novembre 2009, 0:46
Località: Teramo

Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da Gumbo » mercoledì 7 febbraio 2018, 13:33

Dunque ho da poco acquistato una TIG (TIGMIG 200 AC/DC Digitale) e sto mettendo insieme il resto del materiale necessario per metterla in funzione, in primis ovviamente la bombola di Argon e il riduttore.
Ho acquistato online una bombola da 14lt nuova (di provenienza cinese), peraltro da un rivenditore di gas non lontanissimo dalla mia residenza, dal quale ho acquistato anche un economizzatore, che per il tipo di lavoro che devo fare mi e stato vivamente consigliato.
Il riduttore di pressione con flussometro, invece l'ho acquistato direttamente da uno negozio cinese ed ha questo attacco bombola:
Immagine

Ho mandato le foto del riduttore di pressione al venditore della bombola (perchè potesse preparare l'economizzatore per essere montato sul mio flussometro) e mi ha fatto presente che l'attacco bombola del mio riduttore non è compatibile con le bombole di argon a standard Europeo, tra cui anche le sue ovviamente e quindi quella che ho comprato e che ha gia spedito.
Ora io ho cercato su internet e mi sembra che tutti i regolatori con flussometro (anche molto piu costosi) in vendita sui vari siti di e-commerce e ferramenta anche italiani, abbiano lo stesso tipo di attacco del mio (che comunque effettivamente è diverso dall'attacco che ho sulla MIG), e quindi non capisco....
Su consiglio del venditore di bombole ho cercato online degli "adattatori" ma trovo solo degli adattatori CO2/Argon che peraltro hanno lo stesso tipo di attacco che è sul riduttore che ho comprato. Capisco ancora meno....

Vorrei quindi sapere qualche informazione sugli standard di questi attacchi delle bombole di Argon dai piu esperti. Se effettivamente lo standard europeo per gli attacchi delle bombole di argon e diverso dagli altri e richiede quindi dei riduttori di pressione particolari o comunque diversi da quello che ho comprato io.
Se cosi fosse vorrei sapere se e dove e possibile acquistare un adattatore onde evitare di ricomprare tutto il riduttore di pressione (che peraltro non saprei dove comprarlo perche come dicevo quelli in vendita online sono tutti uguali al mio, come attacco) e come si chiama questo adattatore sempre che esista, dato che cercando "adattatore argon" trovo solo gli adattatori Argon/CO2 di cui parlavo sopra.

Grazie anticipatamente a chi vorrà aiutarmi a mettere in funzione la saldatrice che giace inscatolata in laboratorio.

IMMAGINE LINKATA NON ALLEGATA. Pregasi attenersi al regolamento. Grazie per la collaborazione. SCJ
Ultima modifica di Anonymous il mercoledì 7 febbraio 2018, 14:44, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: immagine linkata

Avatar utente
vdeste
Senior
Senior
Messaggi: 2740
Iscritto il: mercoledì 17 febbraio 2010, 14:41
Località: Torre del Greco NA

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da vdeste » mercoledì 7 febbraio 2018, 14:17

Non conosco le normative ma la mia bombola ha l'attacco "femmina", ed il tuo riduttore non ci andrebbe bene. Per capirci dovrei montare un adattatore simile a questo :
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file e le foto allegati in questo messaggio. Per visualizzare tali file devi registrarti ed effettuare il Login
Detesto quello che tu dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.
Adoro discutere, odio litigare

Gumbo
Junior
Junior
Messaggi: 51
Iscritto il: sabato 21 novembre 2009, 0:46
Località: Teramo

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da Gumbo » mercoledì 7 febbraio 2018, 14:36

Vdeste, grazie mille per la risposta !
Quell'adattatore l'ho trovato ed e quello che chiamano "adattatore Argon/CO2".
Però vedo che da una parte ha la stessa....diciamo "semisfera" che e sul mio...
Quindi non capisco come dovrei montarlo.

Edit:
O forse la "semisfera" è diversa ?
L'attacco del riduttore che ho sulla MIG non ha nessuna "semisfera", mi sembra identico a quello delle bombole di propano per capirci. Piatto con la guarnizione in gomma. Quindi mi aspettavo un attacco del genere anche sull adattatore...

Avatar utente
vdeste
Senior
Senior
Messaggi: 2740
Iscritto il: mercoledì 17 febbraio 2010, 14:41
Località: Torre del Greco NA

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da vdeste » mercoledì 7 febbraio 2018, 15:33

Ok, forse parliamo di cose diverse, e siamo in 3, compreso Il venditore di gas.... Io mi riferisco,( e penso che pure il venditore lo faccia), al " lato bombola - riduttore", e l'immagine che avevi postato di riferisce ad un "qualcosa" che con quel tipo di raccordo, di sicuro si attacca direttamente alla bombola, ( tipo bombola del gas sella stufa per capirci) o con l'adattatore che ti ho postato ad una bombola per gas tecnici tipo la mia. Lato "macchina" sulla mia che un portagomma che non ho mai svitato, ma penso sia maschio 3/8 o giù di lì. Di sicuro lato macchina non ci vuole l'attacco ad ogiva, nè maschio nè femmina.
Detesto quello che tu dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.
Adoro discutere, odio litigare

mucchino

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da mucchino » mercoledì 7 febbraio 2018, 20:52

Primo: comprare una bombola è una cazzatona.
Le bombole si noleggiano con un regolare contratto da un fornitore che garantisce i collaudi periodici e rifornisce di gas all'occorrenza.

Secondo: le bombole di argon sono caricate a 200 Atmosfere.
Sono pericolosissime e si deve essere addestrati per la loro manipolazione.

Terzo: sui flussimetri e riduttori di pressione non si risparmia mai, farlo è come mettersi una bomba in casa.

Per un bel po sparirò dal forum, se ne sentono troppe di cose assurde.
Adios!

Gumbo
Junior
Junior
Messaggi: 51
Iscritto il: sabato 21 novembre 2009, 0:46
Località: Teramo

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da Gumbo » giovedì 8 febbraio 2018, 1:14

Vdeste, grazie per la pazienza.
Stiamo parlando tutti e 3 della stessa cosa, cioè del lato bombola. Dal lato "macchina" c'è un portagomma in uscita dal flussimetro, e quindi quello non mi crea alcun problema.
Quindi mi sembra di capire che con quell'adattatore si risolverebbe il problema. Ho notato che l'adattatore, pur avendo l'ogiva, ha la filettatura sull esterno (tipo bullone per capirci), mentre il regolatore ha la filettatura tipo dado. Quindi credo sia quello il problema, cioe se la bombola ha la filettatura interna o esterna e non la presenza dell'ogiva come credevo in un primo momento dato che il regolatore della mia MIG non ce l'ha.
Se ho capito bene questo regolatore qui sotto dovrebbe andare bene per la tua bombola, che probabilmente è uguale alla mia.
xxxxxxxxxxxxxxxxxx

nonostante il primo avviso di scj continui ad ignorare le regole, le immagini devono essere allegate


PS:
@ Mucchino hai scritto una serie di boiate e banalità tali che non vale nemmeno la pena replicare perchè si commentano da sole.
Non c'è bisogno che sparisci dal forum, basta che sparisci dai miei argomenti. Grazie.

attenzione ad innescare flame
Ultima modifica di Mangusta il giovedì 8 febbraio 2018, 19:23, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: link immagine eliminato-avvisi

Avatar utente
vdeste
Senior
Senior
Messaggi: 2740
Iscritto il: mercoledì 17 febbraio 2010, 14:41
Località: Torre del Greco NA

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da vdeste » giovedì 8 febbraio 2018, 10:05

Si hai inquadrato la situazione, il regolatore dell'ultima foto è adatto, come tipologia di attacco, alla tua bombola.
Detesto quello che tu dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.
Adoro discutere, odio litigare

Gumbo
Junior
Junior
Messaggi: 51
Iscritto il: sabato 21 novembre 2009, 0:46
Località: Teramo

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da Gumbo » giovedì 8 febbraio 2018, 23:51

Vdeste, grazie al tuo aiuto penso di aver risolto !! Il mio "fornitissimo fornitore" di materiali tecnici ha in magazzino adattatori di vario tipo ed ha immediatamente capito il mio problema per cui appena mi consegnano il regolatore glielo porto e me lo sistema.
Spero che questo argomento possa essere di aiuto anche ad altri, perchè di problematiche di questo tipo in rete non c'è traccia, altrimenti sarei stato piu attento nell'acquisto, e comunque non avrei importunato voi del forum con il mio quesito.

@ Mangusta, prima di allegare le foto, mi sono andato a rileggere il regolamento e infatti come potrai verificare mi sono preso la briga di tirarle giu dal sito del venditore e caricarle da un altra parte (perche linkare a siti commerciali è vietato al punto 6 del regolamento), e le ho anche ridimensionate a meno di 800px (perche postare foto piu grandi di 800x600 e vietato dal punto 10 dello stesso). Onestamente non ho capito in che cosa ho sbagliato. Se me lo chiarisci cercherò di evitare di ripetere lo sbaglio.
Riguardo al fatto di innescare flame, non credo di essere stato io ad "innescare" dato che non sono stato io a dire a Mucchino che fa "cazzatone" ne a dire che scrive cose "assurde".
Forse avrei dovuto far finta di niente e prendermi gli insulti.

Avatar utente
Mangusta
God
God
Messaggi: 23475
Iscritto il: lunedì 29 ottobre 2007, 20:15
Località: Prov. Latina

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da Mangusta » venerdì 9 febbraio 2018, 20:08

L'art. 6 e 9 disciplinano link per così dire autopromozionali a qualsiasi titolo. L'art.8 delle Integrazioni del Regolamento viceversa regola la pubblicazione di link commerciali a condizione che siano completati da immagini non linkate ma allegate. L'art. 10 infine disciplina la pubblicazione di qualsiasi tipologia di foto e immagini non necessariamente derivante da rete quindi anche da Pc ma che in entrambi i casi devono sempre essere allegate. Ricapitolando l'immagine che tu avevi pubblicato non era allegata ma linkata e questo non è consentito, allegare le immagini significa caricarle nel server di questo Forum ciò vuol dire che saranno sempre disponibili per future consultazioni dei topic cosa che di norma non è mai garantita se risiedono su server di terze parti. Riguardo ai flame non mi pare che tu abbia ricevuto insulti, semmai mucchino non ha avuto molto tatto nell'esprimersi e forse non ha detto poi tante banalità.

Gumbo
Junior
Junior
Messaggi: 51
Iscritto il: sabato 21 novembre 2009, 0:46
Località: Teramo

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da Gumbo » sabato 10 febbraio 2018, 2:51

Grazie per la spiegazione, penso di aver capito. Praticamente bisogna usare la scheda in basso "allegati" anziche il pulsante "Img"... ?

Non è che mi interessi particolarmente ribattere sulla questione del fatto che l'acquisto della bombola sia una "cazzatona", però magari la mia esperienza può interessare qualcun altro che legge (o leggerà).
L'acquisto mi è stato consigliato proprio dal fornitore che fa le ricariche, che mi ha fatto capire garbatamente che se il consumo è ridotto non ha molto piacere a tenere una bombola ferma per 40€ l'anno, e quindi se ne acquistassi una, se ho urgenza la prenderebbe anche indietro e me ne darebbe una delle sue, oppure aspetto 1 giorno o 2 e mi riprendo la mia carica. E' lui stesso ad avermi detto che quelle cinesi vanno benissimo e le usano anche loro.
Quindi non vedo dove sia la differenza rispetto al noleggio, se non che con il noleggio spendo 40+IVA all'anno, mentre acquistandola la ho pagata 137 (da 14litri), e quindi in due anni e mezzo ammortizzo il costo di acquisto.
Per quanto riguarda i riduttori, ho da moltissimi anni un riduttore abbastanza economico per la MIG, funziona bene e fortunatamente sono ancora vivo.
Sicuramente ci sono prodotti di qualità differente, ma è altrettanto vero che spesso vengono spacciati per prodotti di buona qualità gli stessi che sono venduti ad un prezzo molto piu basso all'origine (che è quasi sempre orientale), e che magari per un uso saltuario durano comunque una vita.
Se mi fosse stato chiesto il motivo per cui ho deciso di acquistare una bombola anziche noleggiarla, avrei potuto spiegarlo come ho appena fatto, senza dovermi sentire aggredito da un perfetto sconosciuto soltanto perche sto cercando di capire le differenze tra i vari tipi di attacco delle bombole.

africaland
Newbie
Newbie
Messaggi: 6
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2020, 21:52

Re: Problema con attacco bombole Argon

Messaggio da africaland » mercoledì 10 giugno 2020, 0:18

anche dando ragione a mucchino perche sono parole sante come diceva il contadino dopo aver comprato le scarpe nuove: "chi + spende meno spande"
pero' devo dire che oggettivamente io vivo a roma e in noleggio ho trovato solo bombole da 40lt.

Per uso hobbistico non mi sembra una bella idea caricarsi in cantina o a casa una bomba da 40lt a 200bar di un noleggiatore di una srl che nessuno controllerà mai in italia (ad ogni problema questi chiudono la società e ne riaprono una nuova) che ti affida una bombola usata e che se perde rischi anche di morire per asfissia (chissà se te ne accorgi?) in ogni caso non credo facciano tutti sti controlli nei primi 10 anni di uso e nella seconda decade se sei fortunato ti trovi la rubinetteria che perde perchè il gestore prima di te ci ha avvitato e svitato tante di quelle rubinetterie pensando di limitare le perdite di gas, insomma le 40lt stanno bene solo in un grande capannone da fabbro o officina meccanica.
Le bombole da 5 o 14 piu' indicate a me a nolo su roma non le ho trovate, e mi sono dovuto comprare per forza una nuova bombola da 14lt, ovviamente con i primi 10 anni di certificazioni senza intoppi
la trasporto su' e giu' con un carrellino su misura e sempre con il tulipano inserito e ben assicurata ad un invaso su misura.
certo l'avrei noleggiata per 1 euro al mese come la 40litri se la avessi trovata ma nessuno me la ha noleggiata.

riguardo al gruppo la mia idea è che se è buono è meglio, in quanto dura una vita, all'interno cè un riduttore che dovrebbe abbassare i 200bar a 3.5 (credo) cioè se si rompe qualcosa escono gas a pressione ma non a 200bar e non parte il siluro. Viceversa se a manopola bombola aperta succede un imprevisto e non cè un riduttore sicuro oltre una certa pressione si sposta inevitabilmente la bombola. ovvero se il gruppo è di scarsa qualità potrebbe darsi che la riduzione sia teorica a 3.5 (sempre valore da accertare..non insultatemi) ma potrebbe essere a 10 o 20bar e poi si regola con il flussometro ai litri/min richiesti quindi voi non ve ne accorgerete mai. percio' se si rompe qualcosa tra il riduttore e flussometro parte una breccola da 10 o 20bar e potrebbe sinceramente cadere al bombola col rischio di rompere il rubinetto principale e sarebbero c+*zi amari.

io ho preso un riduttore Harris e non costa poi cosi' tanto, per gli attacchi mi hanno spiegato che sono specifici, se uso argon è una tipologia e il riduttore da argon si adatta perfettamente. Se la bombola e il riduttore non sono compatibili probabilmente o l'uno o l'altro non sono per il gas psecificato oppure sono stranieri ed hanno attacchi relativi al paese estero. Diventa necessario un adattatore, ma io eviterei per i motivi già elencati. La mia teoria è che meno complicanze ci sono e meglio è. Ogni perdita produce lo scaricamento prematuro della bombola e per limitare o evitare è sempre meglio usare attacchi M e F monolitici.


ps. il bullone è il gruppo vite+dado, la sola vite erroneamente chiamata bullone da quasi tutti si chiama invece semplicemente "vite" con filettatura quasi sempre maschio e puo' essere metrica o no. Per i raccordi si puo' semplificare con M o F, gli attacchi concavi o convessi e i relativi dadi di raccordo M o F adatti a serrare le estremita dei tubi o connettori.

Bisogna stare attenti alle bombole cariche perchè se cadono o urtano non devono mettere a rischio la rottura del rubinetto poiche diventano un missile, sembra una cosa scontata ma è sempre bene fare una struttura atta ad aumentare la protezione e la stabilità della bombola che nasce con una forma lunga e stretta in quanto deve essere priva di saldature (è ricavata dal pieno).

Rispondi

Torna a “La Saldatura e sue tecniche”