Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Tecnologia, meccanica, materiali, utilizzo.

Moderatore: kalytom

Avatar utente
Pedro
Moderator
Moderator
Messaggi: 6171
Iscritto il: domenica 6 aprile 2008, 18:44
Località: Roma

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da Pedro » domenica 3 settembre 2017, 22:19

non capisco bene il sistema di raffreddamento verso il piatto: gli e3d funzionano benissimo ma bisogna raffreddarli veramente bene e se non allontani il portaventole dalla alettatura dell'e3d rischi che il flusso d'aria, in uscita, sia impedito. Ma forse è solo un inganno della prospettiva quel che vedo
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda."

Avatar utente
progress
Senior
Senior
Messaggi: 1595
Iscritto il: domenica 28 novembre 2010, 12:35
Località: Varese

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da progress » domenica 3 settembre 2017, 23:40

grazie rangerone
anche io sono curioso di capire che cakkio verrà fuori!! :lol:

Avatar utente
progress
Senior
Senior
Messaggi: 1595
Iscritto il: domenica 28 novembre 2010, 12:35
Località: Varese

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da progress » domenica 3 settembre 2017, 23:52

Si Pedro.... era un dubbio che mi è venuto quando l'ho poi stampato...sul cad sembrava ci fosse molto più spazio...

La ventola del cold end pensavo di ruotarla in aspirazione, ma credo che serva solo ad aspirare aria calda dall'hot end e dal piano....

L'idea era di creare una cortina circolare attorno alla parte stampata, ma cosi facendo impedisco il raffreddamento del cold end.

mi sa che devo cambiare strategia.....ed usare due toroidali che ho già comprato.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Pedro
Moderator
Moderator
Messaggi: 6171
Iscritto il: domenica 6 aprile 2008, 18:44
Località: Roma

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da Pedro » lunedì 4 settembre 2017, 8:08

infatti, come pensavo: bellissimo da vedersi ma poco efficiente così com'è specialmente verso la parte bassa, la più calda delle pinne. Aspirare proprio no, quelle ventoline danno pochissima pressione, fanno un rumore del diavolo ma non sono molto efficienti
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda."

Avatar utente
progress
Senior
Senior
Messaggi: 1595
Iscritto il: domenica 28 novembre 2010, 12:35
Località: Varese

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da progress » lunedì 4 settembre 2017, 8:34

ho ordinato queste ventole:

https://www.cariatielettronica.eu/vento ... &results=1

pensavo di sostituirle a quelle degli estrusori.... devo fare qualche prova.

Comunque la struttura essendo fatta da me è facilmente aggiornabile

Avatar utente
Pedro
Moderator
Moderator
Messaggi: 6171
Iscritto il: domenica 6 aprile 2008, 18:44
Località: Roma

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da Pedro » lunedì 4 settembre 2017, 8:42

dunque, ti riferisco solo quello che ho letto in giro senza averlo provato direttamente. In molti hanno modificato il sistema, un po' troppo rumoroso, della e3d con altro e ho letto anche di molti insuccessi. La e3d sconsiglia di modificare sia la ventola che il loro supporto che, a detta loro, è stato studiato per far funzionare tutto bene. Quanto sia giusto o no ripeto non lo so, io vorrei fare un sistema raffreddato a liquido, uso filamenti che vanno via caldi, ma poi alla fine, più per mancanza di tempo che altro, ho sempre lasciato perdere e in effetti il sistema originale fa il suo bel lavoro. Vero che provare costa poco dopotutto
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda."

Avatar utente
progress
Senior
Senior
Messaggi: 1595
Iscritto il: domenica 28 novembre 2010, 12:35
Località: Varese

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da progress » lunedì 4 settembre 2017, 9:10

concordo con te...una volta finita e funzionante, poi ci si diverte a modificare e provare....

piano piano , la sera sto fresando i pezzi mancanti... al momento devo arrivare al montaggio definitivo e capire cosa comprare di elettronica, senza diventare pazzo con la configurazione.

Per ora sono orientato su una Arduino 2 con RADDS oppure una Duet wifi

Avatar utente
Pedro
Moderator
Moderator
Messaggi: 6171
Iscritto il: domenica 6 aprile 2008, 18:44
Località: Roma

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da Pedro » lunedì 4 settembre 2017, 9:17

=D>

hai previsto un qualche sensore di autoleveling?
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda."

Avatar utente
progress
Senior
Senior
Messaggi: 1595
Iscritto il: domenica 28 novembre 2010, 12:35
Località: Varese

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da progress » lunedì 4 settembre 2017, 9:26

questo è un altro punto caldo.... mi piacerebbe implementarne uno e ho visto che ce ne sono in giro di diverso tipo.

un idea che mi era venuta in mente, avendo un piatto di alluminio è di predisporre sul piatto 4 punti calibrati e rialzati ed usare un sensore a contatto... come il probe della cnc.

Il discorso è che non sono pratico di firmware e configurazioni di stampanti 3D quindi devo studiarmi per bene il loro funzionamento... anche in base all'elettronica che userò. Fin ora ho sempre usato sistemi pronti, per fortuna e purtroppo.

Avatar utente
Pedro
Moderator
Moderator
Messaggi: 6171
Iscritto il: domenica 6 aprile 2008, 18:44
Località: Roma

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da Pedro » lunedì 4 settembre 2017, 9:53

come dicevo, io ho messo 4 sensori proprio sotto il piatto per fare lo zero. Ha dei vantaggi che se cambi estrusore o duse non devi avvelenarti ad azzerare. non preoccuparti dei setting, tu predisponi e poi si implementerà, non è così complicato ma intanto fai funzionare le funzioni base ma predisponi il resto visto che stai costruendo. Altra soluzione è mettere il gruppo estrusore floating con molla di pressione e sensore, stessa cosa ma forse più semplice; vedi tu
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda."

Avatar utente
progress
Senior
Senior
Messaggi: 1595
Iscritto il: domenica 28 novembre 2010, 12:35
Località: Varese

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da progress » lunedì 4 settembre 2017, 10:20

altra idea che mi era venuta era isolare il piatto dalla struttura, in modo da usare l'ugello stesso come contatto di probe.
Non mi verrebbe difficile, basta che costruisca i supporti regolabili in PVC.
L'ugello però deve essere pulito....

si può far si che l'ugello ad inizio tastatura o in qualche evenienza del programma, tipo cambio ugello , si posizioni in un punto dove c'è fissato uno spazzolino metallico per auto pulirsi?
Macro?

Avatar utente
Pedro
Moderator
Moderator
Messaggi: 6171
Iscritto il: domenica 6 aprile 2008, 18:44
Località: Roma

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da Pedro » lunedì 4 settembre 2017, 10:31

non solo pulito l'ugello ma anche non ossidato, cosa che dura poco :lol: come sai. E poi piatto per forza metallico, non è una cosa che ne vale la pena, meglio un piatto che premuto ceda, non troppo, e in qualche modo inneschi dei sensori. Per l'altra domanda, se conosci simplify3d sai che ha la possibilità di aggiungere macro in codice G, script per start per cambio di layer per cambio di tool (estrusore in questo caso) per il retraction per l'end of file e tutti i parametri possibili ed immaginabili durante il lavoro, quindi nessun problema proprio.
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda."

Avatar utente
Pedro
Moderator
Moderator
Messaggi: 6171
Iscritto il: domenica 6 aprile 2008, 18:44
Località: Roma

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da Pedro » lunedì 4 settembre 2017, 11:02

questa ancora non l'avevo vista

https://www.youtube.com/watch?v=VdS3J1qbLMc

ma che estrusori usi? fatti da te ovvio, me li fai vedere?
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda."

Avatar utente
progress
Senior
Senior
Messaggi: 1595
Iscritto il: domenica 28 novembre 2010, 12:35
Località: Varese

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da progress » lunedì 4 settembre 2017, 11:26

Il piatto sarà cedevole, è su molle.....

bell'idea quella del video,

ovvero la parte mobile aggancia un estrusore in base a quello che deve stampare..... si potrebbe fare con due elettrocalamite.
Il sensore mobile, era un altra idea, ma bisogna vedere se è realmente preciso, visto che ha un meccanismo rotante....

Gli estrusori li ho disegnati io, a ghigliottina...li ho postati nella prima pagina del post.
Hanno un rinvio a puleggia 3:1 .... stavo però pensando di usare una ruota di trascinamento doppia.

Avatar utente
Pedro
Moderator
Moderator
Messaggi: 6171
Iscritto il: domenica 6 aprile 2008, 18:44
Località: Roma

Re: Stampante 3D con parti ricavate da pieno

Messaggio da Pedro » lunedì 4 settembre 2017, 11:34

quoto vivacemente l'idea, come dicevo infatti uso i bondtech che hanno un doppio trascinamento

https://www.youtube.com/watch?v=ikgeroxNsr4


il principio di trascinamento

https://www.youtube.com/watch?v=m5ezKLldd0o

ottimo specialmente per i compositi molto viscosi

il tuo mi ricorda tanto il bulldog, lo ho ancora ma lo uso poco
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda."

Rispondi

Torna a “Stampanti 3D”