scelta lubrorefrigerante

Sezione dedicata esclusivamente a macchine professionali CNC quali Torni cnc, Fresatrici cnc, Brocciatrici cnc, Centri di lavoro cnc, ecc.
Subforum:
Programmazione CNC
Fanuc
Mitsubishi
Heidenhain
Siemens
Haas
Osai
Selca
Fidia
Fagor
WinMax
Mazatrol

Moderatore: Fiveaxis

Rispondi
Avatar utente
gab®y
Senior
Senior
Messaggi: 615
Iscritto il: venerdì 3 luglio 2009, 23:22
Località: Barge CN

scelta lubrorefrigerante

Messaggio da gab®y » mercoledì 9 ottobre 2019, 14:30

Buongiorno metalmeccanici!
In ditta sono passati a promuovere questo tipo di olio emulsivo, mi hanno dimostrato con delle prove come resta meno attaccato ai trucioli e come la componente antibatterica lo renda più sicuro di quello che usiamo abitualmente (usavamo il shell sitala cd3401, e ora l' S 635 FF della chemFluid che a parer del tecnico shell, era uguale)ormai è da anni che uso lo stesso, anche perché Prima di cambiare l'olio emulsivo vanno fatte un po' di valutazioni,solo che ultimamente non mi convince più tanto il chemfluid e queste prove con il nuovo olio mi hanno tentato non poco...
E non sto parlando di prezzo, Anche perché costa quasi il doppio... però se durasse di più, e soprattutto se fosse meno nocivo, non guarderei il prezzo...
Ora chiedo, c'è qualcuno che già lo usa nella propria azienda e vorrebbe darmi un suo parere?
Grazie in anticipo
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file e le foto allegati in questo messaggio. Per visualizzare tali file devi registrarti ed effettuare il Login
Se ci scambiamo un dollaro, ognuno rimane con un dollaro.
Se ci scambiamo un'informazione, ognuno rimane con due informazioni.


Alcuni video.....

torn24
God
God
Messaggi: 3044
Iscritto il: venerdì 1 febbraio 2008, 11:28
Località: Modena

Re: scelta lubrorefrigerante

Messaggio da torn24 » mercoledì 9 ottobre 2019, 15:12

Quando lavoravo in metalmeccanica ne ho provati diversi ma non questo.
L'unica è provarlo, i rappresentanti parlano sempre bene dei loro prodotti, per cui non hai una effettiva conoscenza del prodotto solo con quello che ti dicono. Invece di comprare un bidone si prende una tanica per una sola macchina e si prova per dei mesi, ad esempio "se fa venire ruggine" o altri difetti te ne accorgi dopo mesi.
CIAO A TUTTI !

Avatar utente
nl2000sy
Member
Member
Messaggi: 253
Iscritto il: mercoledì 22 luglio 2015, 9:19
Località: Treviso

Re: scelta lubrorefrigerante

Messaggio da nl2000sy » mercoledì 9 ottobre 2019, 16:34

Buongiorno.
Il prodotto non lo conosco, e il fatto che non rimane ataccato ai trucioli non mi piace per niente, significa che non si attacca nemmeno al pezzo... ho dato uno sguardo al loro sito internet ma non mi ha fatto una grande impressione, potrei sbagliarmi ovviamente.

Quando si sceglie il lubrorefrigerante ci sono una serie di fattori da valutare, in primis il grado di problemi che può causare per la salute, e qui serve la scheda tecnica.
L'antibatterico si può anche mettere dopo, sono sempre prodotti chimici che di solito si utilizzano per "salvare" una emulsione quando ha dei problemi, giusto per tirare avanti fino alla sostituzione.
Poi c'è l'olio delle guide che si deposita e crea problemi e la pulizia della vasca, viene fatta una volta all'anno oppure non la si fa mai?

Una curiosità: che materiali lavori e che olio ti hanno proposto? Sintetico, semisintetico, minerale...

Io ne ho provati diversi, faccio acciaio inox, e marchi come Blaser, Cimcool, non comment :mrgreen:

Un valido sistema per tenere l'amulsione pulita senza ricorrere a prodotti chimici come antibatterico o altro è quella di adottare una macchina che pulisce l'emulsione, in un paio d'ore pulisci la vasca anche se la macchina è in funzione.
Io tengo l'olio ad una percentuale del 5, max 6%, rabbocchi al 2% con un indice di rifrazione di 1,1 sostituzione e pulizia vasche una volta all'anno, e faccio anche la maschiatura a rullare poiché l'olio contiene gli additivi per la maschiatura.

Che percentuale di concentrazione ti danno per lavorare e per i rabbochhi?
Quanto è il suo indice di rifrazione?

Avatar utente
Fiveaxis
Moderator
Moderator
Messaggi: 3885
Iscritto il: sabato 15 gennaio 2011, 12:08
Località: Monza e Brianza

Re: scelta lubrorefrigerante

Messaggio da Fiveaxis » mercoledì 9 ottobre 2019, 17:13

nl2000sy ha già detto praticamente tutto, tuttavia parlando di salute, mi permetto solo di aggiungerene una domanda:

Che tipo di antibatterico usano?
Fa parte delle sostanze pericolose della lista europea REACH?

Bisogna sempre tenere conto di un fattore importantissimo (per la salute!).
Oltre alla formaldeide e le sostanze ad essa correlate, che sono state proibite perchè cancerogene, ci sono tutta una serie di sostanze dichiarate pericolose (ma non proibite!) che possono essere utilizzate come antibatterici.

Per riprendere un marchio citato, Blaser ha sviluppato un concetto in base al quale, per combattere i batteri tossici, "alimenta" i batteri dell'acqua che non sono nocivi per la salute. Il concetto della colonia ovvero: se prolifera una tipologia di batteri, un'altra tipologia non riesce a svilupparsi.
La macchina conta...ma la differenza la fa il "manico"!

Avatar utente
gab®y
Senior
Senior
Messaggi: 615
Iscritto il: venerdì 3 luglio 2009, 23:22
Località: Barge CN

Re: scelta lubrorefrigerante

Messaggio da gab®y » venerdì 11 ottobre 2019, 13:12

@nl2000sy

mi hanno proposto un semisintetico,
lavoro in prevalenza ferro, acciaio al carbonio, bonificati ed acciai da cementazione...abbastanza spesso anche acciaio inox e in modo trascurabile alluminio bronzo ed ottone
ghisa: fortunatamente mai

tengo emulsione al 5.5/ 6 con quello che uso attualmente della chemfluid e rabbocco al 2%
indice rifrattometrico è 1.1
Ultima modifica di Fiveaxis il venerdì 11 ottobre 2019, 14:45, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Eliminato riporto integrale (inutile)
Se ci scambiamo un dollaro, ognuno rimane con un dollaro.
Se ci scambiamo un'informazione, ognuno rimane con due informazioni.


Alcuni video.....

Avatar utente
nl2000sy
Member
Member
Messaggi: 253
Iscritto il: mercoledì 22 luglio 2015, 9:19
Località: Treviso

Re: scelta lubrorefrigerante

Messaggio da nl2000sy » venerdì 11 ottobre 2019, 16:19

Ho chiesto un po' in giro, tutti mi hanno dato la stessa risposta: conosco il nome kernite ma non il prodotto.

Riguardo al prodotto che stai utilizzando ora, i valori che di concentrazione sono nella norma, quando ho provato il cimcool mi avevano consigliato una concentrazione del 9-10%, pensa te...

Ora, parlando di prodotti che io non conosco se fossi nella tua situazione farei come quando devi prendere una macchina utensile: contatto i soliti noti e poi faccio le mie valutazioni. cambiare lubrorefrigerante ha senso se quello che si usa da problemi oppure è nocivo per la salute, ovviamente bisogna esserne sicuri :mrgreen:

Quelli che ti hanno proposto il loro olio sono disposti a fare delle prove?

Se sei interessato ti giro in privato il contatto di quello che utilizzo io (prodotto tedesco), sappi che vengono nella tua officina, ti puliscono la macchina gratuitamente (a fondo), ti mettono il lubrorefrigerante e lo provi per un mese, se non sei soddisfatto amici come prima.
Non lo fanno tutti.

Io prima di cambiare prodotto proverei a sentire tutte le campane, magari quello che usi è già un prodotto valido e cambiarlo non ha senso.

Avatar utente
gab®y
Senior
Senior
Messaggi: 615
Iscritto il: venerdì 3 luglio 2009, 23:22
Località: Barge CN

Re: scelta lubrorefrigerante

Messaggio da gab®y » martedì 15 ottobre 2019, 12:29

nl2000sy ha scritto:
venerdì 11 ottobre 2019, 16:19

Quelli che ti hanno proposto il loro olio sono disposti a fare delle prove?
si, questo si, sono disposti ad affiancarmi...
nl2000sy ha scritto:
venerdì 11 ottobre 2019, 16:19

Se sei interessato ti giro in privato il contatto di quello che utilizzo io (prodotto tedesco), sappi che vengono nella tua officina, ti puliscono la macchina gratuitamente (a fondo), ti mettono il lubrorefrigerante e lo provi per un mese, se non sei soddisfatto amici come prima.
Non lo fanno tutti.
buono a sapersi :mrgreen:
nl2000sy ha scritto:
venerdì 11 ottobre 2019, 16:19

Io prima di cambiare prodotto proverei a sentire tutte le campane, magari quello che usi è già un prodotto valido e cambiarlo non ha senso.
infatti ho cantattato il solito fornitore che si è dimostrato molto disponibile a far delle prove migliorative, mi ha prelevato dei campioni di acqua per analizzarla e ha provato concentrazioni e ph delle varie macchine.
mi ha anche proposto un prodotto più "ecologico"... specificandomi che comunque il prodotto che già uso, il chefluid S-635 ff, è già comunque privo di donatori di formaldeide e ha un basso contenuto di antibatterico (che è la parte più tossica)...
Se ci scambiamo un dollaro, ognuno rimane con un dollaro.
Se ci scambiamo un'informazione, ognuno rimane con due informazioni.


Alcuni video.....

Avatar utente
gab®y
Senior
Senior
Messaggi: 615
Iscritto il: venerdì 3 luglio 2009, 23:22
Località: Barge CN

Re: scelta lubrorefrigerante

Messaggio da gab®y » martedì 15 ottobre 2019, 12:33

Inoltre ho paura che quello NCH che mi hanno proposto sia si buono, ma non è detto che vada poi così bene per l'asportazione truciolo, è trasparente perchè non ha praticamente olio minerale (che lo renderebbe lattiginoso) quindi più adatto alla rettifica che alla fresatura e alla tornitura...

questo che mi havvo proposto andrebbe diluito al 4-4.5% con rabbocchi all'1%
indice rifrattometrico 1.6

boh :?
Se ci scambiamo un dollaro, ognuno rimane con un dollaro.
Se ci scambiamo un'informazione, ognuno rimane con due informazioni.


Alcuni video.....

TIRZAN
Senior
Senior
Messaggi: 2106
Iscritto il: sabato 27 luglio 2013, 16:54
Località: AQ

Re: scelta lubrorefrigerante

Messaggio da TIRZAN » mercoledì 23 ottobre 2019, 0:10

@nl2000 per caso quello che usi è lo ZET?

Avatar utente
nl2000sy
Member
Member
Messaggi: 253
Iscritto il: mercoledì 22 luglio 2015, 9:19
Località: Treviso

Re: scelta lubrorefrigerante

Messaggio da nl2000sy » mercoledì 23 ottobre 2019, 9:38

Buongiorno TIRZAN.
Si, Zet-Cut 7160, sono stato il primo cliente del trevigiano, provato per un anno su un Mori Seiki NL2000SY, poi l'ho messo su tutte le macchine.
Io mi trovo bene a fare aisi con questo tipo di olio, certo, come tutti gli oli minerali va mantenuto con una certa accortezza ma fino ad ora non mi ha mai creato problemi, anzi, posso tranquillamente dire che ho avuto un'incremento del 30% sulla durata degli utensili.

Rispondi

Torna a “Macchine utensili professionali CN/CNC”