PUMA3D

Tecnologia, meccanica, materiali, utilizzo.

Moderatore: kalytom

Rispondi
Avatar utente
PumaPiensa
Senior
Senior
Messaggi: 722
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2008, 19:30
Località: vicenza

PUMA3D

Messaggio da PumaPiensa » lunedì 18 novembre 2013, 23:42

Ciao a tutti visto che è a buon punto vi presento la mia stampante. Tutto nasce da dei pattini THK SHS20 allungati che mi giravano sempre fra le OO nella mia tana, troppo corte le guide per una cnc classica.....quindi mi son fatto una stampante 3d decisamente meno esosa in quanto a lavorazioni, precisione ,rigidità. La struttura è in alluminio tagliato con il seghetto alternativo #-o e fresato a pezzi con la mia minifresa manualmente (non ho ancora na cnc :evil: ). Pattini come dicevo da 20 a sfere ingabbiate quindi molto veloci, movimentazione con ginghie GT3 e viti 10X2 solo per asse Z. Le chiocciole le ho fatte in derling maschiate con un pezzo della vite stessa.Forse più avanti ci metto una ricircolo 15X10 per il ponte se la stampante se la merita. Motori da 1.2Nm tranne per asse X da 0,44.Area di lavoro 295X250X235, l'elettronica e la famosa scheda da 8 motori che gira su ebay modificata come è scritto qui su cncit, controllata da una Teensylu ovvero la scheda usb per stampanti più economica che ho trovato, solo poi, quando avrò l'esperienza ,la sostituiro con una che gestisce più teste. Le teste di stampa saranno intercambiabili ,ne prevedo fino a 3 se necessario contemporaneamente mantenendo per tutte la stessa area di lavoro (l'asse X si sposta in realtà di 295mm anzichè 250). Ci metterò anche un Proxxon da 100W per incisioni,taglio panellini contenitori ecc tanto la stampante è sufficentemente rigida.La testa l'ho appena abbozzata, ho fatto solo delle prove quindi li siamo ancora in dietro. Ho cercato di sfruttare al massimo il materiale che avevo già in casa ,inoltre mi sono preposto di non prendere nulla di già fatto ad esclusione dell'elettronica. Motivo per cui alcune lafvorazioni non sono proprio il massimo, comunque appena funzia decentemente la smonto per una rifinitura-ottimizzazione finale . Ora devo vedere di mettere i finecorsa Z e Y e fare i percorsi per i cavi.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
PumaPiensa
Senior
Senior
Messaggi: 722
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2008, 19:30
Località: vicenza

Re: PUMA3D

Messaggio da PumaPiensa » martedì 19 novembre 2013, 0:27

aggiungo altre fotine cosi si vede l'elettronica in allestimento : ci sono 4 trasformatori (recuperati da faretti alogeni) da 11.4V circa 8A che in serie e parallelo e poi filtrati da 16 condensatori da 2200uF 50V mi danno una tensione di 30V 16A anche considerando un aumento del 10% della tensione di rete sto comunque dentro i 36V tensione di targa della scheda. Questa come dicevo e quella descritta anche qui con tutte le modifiche da fare, prevedo di utilizzarla al massimo sui 2-2,5A per canale. Allla fine se metto 3 teste servono 6 driver quindi questa sheda è perfetta ed economica.Nella foto della teesylu si vede una basettina che ho ideato per portare fuori in sicurezza i segnali step dir e enable dalla schedina. Per chi non lo conosce di solito nelle stampanti si usano dei piccoli driver grandi come la mia basetta che bastano appena per pilotare i motori nema17 da 1.7A che si usano di solito. Ora avevo bisogno di portare all'esterno i segnali che pilotano questi minidriver fino alla mia elettronica, quindi ho fatto una basetta compatibile con gli zoccoli dei driver che con un 7273 mi porta fuori i segnali che mi interessano. Questi vanno sul connettore del motore che si può quindi utilizzare, in questo modo si hanno dei segnali fino a 70mA (a memoria) e soprattutto protetti da cortocircuito.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
mauron62
Senior
Senior
Messaggi: 1320
Iscritto il: sabato 5 marzo 2011, 19:31
Località: lariano (RM)
Contatta:

Re: PUMA3D

Messaggio da mauron62 » martedì 19 novembre 2013, 10:05

carina l'idea, l'unico dubbio che ho è quel motore a testa in giù, il sistema dei tiranti mi piace ......quasi quasi te lo copio :lol:

Avatar utente
PumaPiensa
Senior
Senior
Messaggi: 722
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2008, 19:30
Località: vicenza

Re: PUMA3D

Messaggio da PumaPiensa » martedì 19 novembre 2013, 12:39

In teoria è l'asse che ha meno problemi visto la bassa massa della testa , invece sono preoccupato per l'inerzia del ponte che potrebbe mettere in crisi la cinghia (GT3 passo 3 larghezza 9mm) o il motore (ne ho già un'altro da 1,65Nm in caso servisse) inoltre l'asse z è duretto da alzare visto il peso ,ma ho visto che in stampa non si hanno grandi escursioni, alcuni abbassano tutto il piano con l'l'oggetto sopra con elettronice decisamente inferiori..... fra poco faro le prime prove attaccandoci l'elettronica comandata da mach come fosse una cnc e vedremo. se ho capito bene una stampante normalmente arriva in lavoro a velocità fra 100 e 200 mm/s.

PATO65
Member
Member
Messaggi: 302
Iscritto il: sabato 24 maggio 2008, 0:25
Località: Genova

Re: PUMA3D

Messaggio da PATO65 » martedì 19 novembre 2013, 13:05

Ciao PumaPiensa, bel lavoro e carina la macchina. Ioltre visto che l'hai fatta senza utilizzare macchinari "importanti".....un plauso =D>

Volevo farti 2 domandine......

Ma quei trasformatori non sono elettronici? Si possono mettere in serie e soprattutto in parallelo senza avere problemi?

da quanto sono i profili quadri che hai messo sull'asse X (o Y a seconda di come la vedi)?

Avatar utente
PumaPiensa
Senior
Senior
Messaggi: 722
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2008, 19:30
Località: vicenza

Re: PUMA3D

Messaggio da PumaPiensa » martedì 19 novembre 2013, 21:13

Ciao, sembrano elettronici ,ma sono normali trasformatori recuperati dalle alogene di una vetrinetta quindi serie parallelo senza problemi. Per i profilati sono da 45 cave da 8 mi sembra.Allego altre foto compresa la testa in fase di sperimentazione e la rotellina spingifilo.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
mauron62
Senior
Senior
Messaggi: 1320
Iscritto il: sabato 5 marzo 2011, 19:31
Località: lariano (RM)
Contatta:

Re: PUMA3D

Messaggio da mauron62 » martedì 19 novembre 2013, 21:34

tanto alla fine sono le prove sul campo che ti faranno vedere dove intervenire e visto che hai fatto tutto con cose di recupero sei obligato da questa strada, ma l'ugello dell'estrusore lo hai fatto te? che estrusore hai montato, per curiosità? ......in bocca al lupo =D>

Avatar utente
huliofane
Senior
Senior
Messaggi: 1020
Iscritto il: mercoledì 29 ottobre 2008, 15:18
Località: Prov. Verona
Contatta:

Re: PUMA3D

Messaggio da huliofane » martedì 19 novembre 2013, 21:44

sarà che son dur di comprendonio,ma no riesco a capire che cos'è che scalda,è quella resistenza ceramica o è qualcos'altro che è collegato dal filo che si vede uscire ??
chi mi spiega ??
Quando smonto una cosa,per quel piccolo lasso di tempo,entro nella testa di chi l'ha creata

Avatar utente
Zebrauno
God
God
Messaggi: 9664
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 18:24
Località: Savigliano/Torino
Contatta:

Re: PUMA3D

Messaggio da Zebrauno » martedì 19 novembre 2013, 22:00

Eccolo che parte, forza Puma! La tua meccanica fa venir l'acquolina in bocca, veramente impeccabili le soluzioni scelte.

Anche con il proxxon fara' un figurone, ne sono certo.

Ti seguo :wink:

mimoletti
Senior
Senior
Messaggi: 928
Iscritto il: giovedì 4 dicembre 2008, 17:56
Località: Torre del Greco (NA)

Re: PUMA3D

Messaggio da mimoletti » martedì 19 novembre 2013, 22:07

Complimenti ottimo lavoro.
Tornio Wabeco D6000; Fresa Wabeco F1210; Segatrice Nebes TM125 Inverter; Tavola a dividere Vertex HV-6,Morsa meccnica Allen MAP/78-N

https://www.youtube.com/watch?v=cobEZI8KvOk

Avatar utente
PumaPiensa
Senior
Senior
Messaggi: 722
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2008, 19:30
Località: vicenza

Re: PUMA3D

Messaggio da PumaPiensa » martedì 19 novembre 2013, 22:39

Grazie zebra, ma son sempre più convinto che alla fine ci andra la vite a ricircolo 15 passo 10 per il ponte, la soluzione a cinghia credo mi sforzerà troppo il motore in inversione, poi visto che ci siamo ti chiedero consiglio su come alleggirirla senza compromettere la rigidità.
Mauron, si ad esclusione del supporto per barre che si vede da 20mm (lo uso per il proxxon) ho fatto tutto io , pultroppo non trovo tutte le foto ,ma son partito da una barra esagonale da 1 metro tornita e filettata M8 a una sua estremita poi senza toglierla ,l'ho forata e alesata, poi ho troncato la parte tornita più un 2 cm di parte ancora esagonale. Messo un pezzo cilindrico di al, forato maschiato M8 -> ci ho avvitato l'ugello appena sbozzato, fatto la tornitura obliqua, ma qui mi son fermato perchè con quel tornio un foro da 0.3 non lo faccio neanche morto quindi sotto al mio trapanino valmer e foro + o - centrato da 0.3. Il problema che non sapevo è che il foro di estrusione deve essere lungo al massimo un 0.5mm atrimenti il filo fa fatica a fuoriuscire. Altro grosso problema è che il corpo centrale arriva anche a 300°, ma c'è sempre uno scarto di una 30 di gradi sulla punta. Ora butto tutto e ne faccio uno cilidrico tutto in allunineo con l'ugello costituito da un dado chiuso in ottone, in questo modo dove si fonde il filo è tutto allumineo senza passaggio per l'ottone e questo è usato solo per l'etrusione finale del filo visto la sua superiore resistenza meccanica. Altro problema la resistenza ceramica che scalda il tutto (cosi ho risposto a hulio) è troppo grossa, avevo usato quella per comodità ,ma mi occupa troppo spazio vicino all'ugello, per questo ho già ordinato una "cartuccia" riscaldante fatta apposta 24V 40W che sara messa in verticale vicinissima alla camera di fusione. Il pezzo giallo che si vede stretto dal supporto barre è peek materiale plastico molto interessante ,resiste a 300 gradi senza fare una piega inoltre notare la rondella zigrinata che contribuisce a fare da "stacco" termico. Pultroppo man mano che mi informavo scoprivo pecche tecniche dovute all'inesperienza il supporto dell'ugello l'avrò fresato 3-4 volte per ridurlo cosi #-o. Poi sopra ho fatto uno spingi filo con un passopasso nema 17 in diretta (si intravede), ma anche li poi ho scoperto che per avere più precisione molti preferiscono demoltiplicare con ingranaggio il motore o fare uno spintore a vite. Altri preferiscono invece uno spingi filo tipo quello delle saldatrici a filo vicino al rocchetto, in questo modo si libera la testa dal peso dei motori che sono 3 nel caso di una tripla , cosa molto interessante... (Grazie anche a te mimo)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Framoro
Junior
Junior
Messaggi: 156
Iscritto il: martedì 18 novembre 2008, 19:42
Località: Rimini

Re: PUMA3D

Messaggio da Framoro » mercoledì 20 novembre 2013, 8:27

Moto bella complimenti =D> anche se per una stampante 3d è un pelino esagerata,consiera che piu' la fai leggera piu' vai forte !!!
Molto interessante il materiale peek,anchio mi stò cimentando nella costruzione di una stampante 3d....tipo Mendel90, hotend sarà il mio prossimo lavoro , pensavo propio al comando motore separato,per alleggerire il ponte!!!

Nota per gli amministratori del sito: Non si può aprire una sezione dedicata alle stampanti 3D...hardware, software, meccanica, ecc ??

Avatar utente
mauron62
Senior
Senior
Messaggi: 1320
Iscritto il: sabato 5 marzo 2011, 19:31
Località: lariano (RM)
Contatta:

Re: PUMA3D

Messaggio da mauron62 » mercoledì 20 novembre 2013, 9:30

infatti il meccanismo del trascinamento flio è importantissimo, sia per la velocità che deve essere combinata con la temperatura di squaglio e deve avere un buon grip, fai in modo di poterla regolare la temperatura, almeno riesci a trovare quella giusta per fare belle risoluzioni,

bei lavori .....bravo =D> , secondo te è meglio costruirlo l'estrusore anzi che prenderlo già fatto?

Avatar utente
Zebrauno
God
God
Messaggi: 9664
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 18:24
Località: Savigliano/Torino
Contatta:

Re: PUMA3D

Messaggio da Zebrauno » mercoledì 20 novembre 2013, 9:52

Framoro, credo che prima o poi si dovra' aprire una sezione dedicata, anche solo di carattere globale.

ciao

Avatar utente
PumaPiensa
Senior
Senior
Messaggi: 722
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2008, 19:30
Località: vicenza

Re: PUMA3D

Messaggio da PumaPiensa » mercoledì 20 novembre 2013, 12:49

mauron ... secondo me se non hai necessità particolari non conviene, considera che c'è ne sono di economici da 35-40E ci attacchi un motore con vite e via, inoltre devi avere come minimo un tornio , meglio se hai anche una fresa. Inoltre se cominci a rompere qualche punta da 0.3 fai presto a fare i soldi dell'estrusore. Io le macchine, utensili e materiale c'è li ho già in casa inoltre le lavorazioni le considero il maggior divertimento della cosa. Se dovessi prenderlo già fatto mi piacerebbe quello integrale in acciaio inox che effettivamente farei fatica a farmi in casa. Essendo solo in metallo può andare su in temperatura oltre i 300° per materiali "difficili". Riguardo la velocità che io sappia più di 200mm/s in lavorazione non si va , in ditta abbiamo delle sansung per montaggio smd con portale da almeno 50-100kg che vanno molto più forte...si tratta solo di dimensionare il tutto. Le stampanti in genere hanno nema 17 0,44 Nm sottoalimentati , barre sospese da 8mm che flettono al solo guardarle , viti M8 da verramenta cinghie "T" ecc. Secondo me andrà....spero

Rispondi

Torna a “Stampanti 3D”